Handanovic resta all'Inter. Tra un anno sarà Barcellona

Il quotidiano spagnolo Marca ne è convinto: Samir Handanovic potrebbe lasciare l’Inter il prossimo anno per andare al Barcellona. L’ostacolo sembra appunto costituito dall’attuale portiere blaugrana Victor Valdes, che avrebbe intenzione di lasciare la squadra, ma non immediatamente.

Si parla infatti di un accordo che avverrà non prima di 12 mesi: il portiere catalano avrebbe appunto espresso il desiderio di rimanere al Barcellona per ancora un anno. Nel frattempo, il Presidente dell’Inter Massimo Moratti ha valutato il calciatore nerazzurro 30 milioni, cifra che adesso sarebbe problematica per il club spagnolo, che non ha certo badato a spese per l’acquisto di Neymar.

Nel caso in cui lo sloveno lasciasse l‘Inter, Branca avrebbe già deciso per il sostituto: si tratta di Agazzi, il cui contratto con il Cagliari scade proprio nel 2014 e che per 5 milioni di Euro potrebbe partire alla volta di Milano. Al portiere rossoblu, però, potrebbe essere interessata anche la Fiorentina.

Michael Agazzi Cagliari

Le parole di Federico Pastorello, procuratore di Handanovic, rassicurano i tifosi sottolineando il fatto che, se il portiere dell’Inter dovesse partire, non sarebbe certo in questa stagione: “Samir è un punto fermo per l’Inter di Walter Mazzarri. E’ stato acquistato un anno fa e non vedo movimento in tal senso. Siamo abituati a partenze illustri in qualunque momento, ma in questo caso non penso accadrà. Non mi risulta un’offerta del Barcellona, l’idea era scaturita dalla possibile partenza di Victor Valdes, che sembrava destinato al Monaco“.

Articolo precedenteTevez alla Juventus, è Ufficiale
Articolo successivoDopo Tevez, Arriva Jovetic alla Juventus?
Eclettica e iperattiva, ho trovato la mia strada nella scrittura e nel teatro. Giornalista, sognatrice e viaggiatrice sono continuamente in cerca di qualcosa che faccia brillare i miei occhi e la mia mente. Laureata in management per arte, cultura, media e spettacolo ho deciso di lanciarmi nel mondo dei freelance rinunciando definitivamente alle famose 8 ore di sonno per notte.