Hearthstone, tanti cambiamenti per una nuova stagione competitiva appassionante

Si è concluso da poche settimane la Hearthstone World Championship a Taipei ed il team dedicato agli esports di Blizzard ha presentato le nuove novità.

Hearthstone, tanti cambiamenti per una nuova stagione competitiva appassionante

Si è concluso da poche settimane la Hearthstone World Championship a Taipei ed il team dedicato agli esports di Blizzard non si sta di certo fermando nel lavorare continuamente per innovare e cercare di rendere sempre più interessante questo settore.

Il team leader e franchise lead della sezione esport hanno parlato in dettaglio, sul sito ufficiale di Hearthstone, delle novità che verranno introdotte nella nuova stagione di tornei di quest’anno.

Addio Conquista.

Il cambiamento più eclatante è la scelta di allontanarsi dal formato chiamato Conquista (i giocatori utilizzando 3 mazzi diversi e devono vincere una volta con ciascuno prima che lo faccio l’avversario). La modalità Conquista è stata da sempre il formato ufficiale dei tornei del gioco di carte di Blizzard. Il nuovo formato che si andrà ad utilizzare non è ancora stato definito ma alcuni dei tornei svoltisi nell’ultimo mese si sono basati sulla modalità Specialista, ovvero un solo mazzo con la possibilità di cambiare 10 carte al suo interno tra una partita e l’altra, sistema molto simile alla sideboard di Magic the Gathering.

Cambia la struttura dei tornei.

Un’altra novità è la totale riorganizzazione dei tornei e delle loro strutture. Hearthstone propone da sempre una gamma di competizioni molto varia che parte dai tornei online e arriva a quelli offline, passando per tutti quelli ufficiali tra i quali troviamo playoff e campionati regionali, il torneo delle università americane, il Tour Stop, i Challenger e naturalmente la World Cup.

Al momento, per qualificarsi ai mondiali, bisogna guadagnare quanti più punti possibili e aiuta i giocatori che si dedicano completamente al gioco o fanno parte di un esports team che può coprire i costi legati alle trasferte per partecipare agli eventi.

Da quest’anno invece tutti i tornei e campionati di Hearthstone verranno suddivisi in 3 categorie diverse:

  • Qualificazioni online: a questi tornei si potrà partecipare comodamente da casa seduti al proprio PC e verranno organizzati e ospitate da diverse piattaforme in collaborazione con Blizzard. Le qualificazioni online consentiranno di guadagnarsi un posto nella prossima categoria ed avanzare quindi al livello competitivo successivo.
  • Tornei live: sono in programma 3 eventi dal vivo nel 2019 con un montepremi di 250.000 $ americani ciascuno. Potranno partecipare tutti quei giocatori che si saranno qualificati online o che verranno invitati direttamente da Blizzard.
  • Il Main Event: ancora non si hanno molti dettagli sulla tipologia della competizione principale di quest’anno. Tutti si aspettano una nuova Hearthstone World Championship ma i dettagli sembrano puntare su un evento settimanale diviso per regione. Si specula che potranno partecipare solamente i giocatori invitati e i premi saranno stabiliti secondo un nuovo sistema di punteggio creato appositamente per la competizione.

A quanto pare Blizzard vuole allontanarsi dalle solite modalità per ravvivare il torneo e il gioco rendendo l’esperienza più emozionante e appassionanti per gli spettatori sia dal vivo che da casa. Anche il Sistema Master è stato ritoccato migliorando i premi e aggiungendo una nuova soglia.

Hearthstone rimane tra i giochi online con un settore esports molto attivo e seguito, tanto da avere raggiunto una popolarità tale da avvicinarsi a molti sport tradizionali. Un esempio è la grande  diffusione delle scommesse online, che attirano sempre più appassionati pronti a puntare sulla vittoria dei loro beniamini. Che proprio Hearthstone il gioco destinato a sancire il periodo d’oro degli esport?