Hellas Verona-Juventus: esordio di Osvaldo e ritorno al 4-3-3?

Dopo la bella vittoria sull’Inter, la Juventus sta preparando la gara di domenica contro il sorprendente Hellas Verona. Dopo l’incontro di ieri con Marotta, stamattina si è unito al gruppo anche Fabio Quagliarella anche se difficilmente Conte lo convocherà per la partita contro i gialloblù.

Sicuro invece della convocazione è Daniel Osvaldo che in questi giorni ha lavorato intensamente a Vinovo e sarà regolarmente a disposizione. L’arrivo dell’italo-argentino potrebbe essere la chiave per tornare al 4-3-3, sistema di gioco adottato dal primo Conte e poi abbandonato a causa dell’infortunio di Pepe, unico in rosa in grado di interpretare alla perfezione il ruolo.

Osvaldo infatti è stato fortemente voluto dal tecnico sia perché in grado di fare da vice-Llorente, sia per la sua capacità di garantire corsa e qualità come esterno offensivo. Non è un mistero infatti che il 3-5-2 vada benissimo per il campionato italiano, ma in Europa, come dimostrano le due partite contro il Real Madrid, ci vuole qualcosa di diverso, un modulo più “propositivo” ma allo stesso tempo equilibrato come può essere appunto il 4-3-3.

Domenica quindi non ci dovrebbero essere grosse sorprese nella formazione iniziale (l’unico dubbio è legato a Barzagli alle prese con una fastidiosa tendinopatia) ma, soprattutto se la partita non dovesse sbloccarsi, non è da escludere l’esordio di Osvaldo nell’inedito tridente con Tevez e Llorente per quelle che sono le prove generali della Juventus che verrà.