I mandarini fanno dimagrire? Ecco la risposta della medicina

I mandarini fanno dimagrire? Perdere peso, o restare in forma, sono obiettivi molto comuni, ma richiedono numerosi sforzi e una buona dose di impegno quotidiano. Per questo, molti di quelli che hanno deciso di mettersi a dieta si domandano quali cibi comportano benefici e quali, invece, hanno effetti collaterali. Tra i cibi un po’ “sospetti”, cioè quei cibi di cui si conoscono poco gli effetti sull’organismo, ci sono i mandarini. 

Il vivace colore di questi frutti invernali non basta a rassicurare sulla loro salubrità. Vediamo, quindi, brevemente, quali sono i loro valori nutrizionali e scopriamo, una volta per tutte, se fanno ingrassare o dimagrire

Le proprietà e i benefici dei mandarini

Innanzitutto, i mandarini si contraddistinguono per il loro alto contenuto di vitamina C, utile, come è ormai risaputo, per contrastare il raffreddore.
Insieme alla vitamina C, nei mandarini, è presente anche la vitamina P; sebbene sia meno conosciuta della precedente, anche questa vitamina dà il suo contributo per combattere il raffreddore e, se associata alla vitamina C, agisce sulle irritazioni delle mucose, andando ad alleviarle, e sulla ritenzione idrica, che contrasta stimolando la diuresi. 

Inoltre, il mandarino svolge un’azione benefica anche sul sistema nervoso; infatti, grazie alla sua composizione chimica, è in grado di distendere i nervi e donare a tutto il corpo una sensazione di benessere e tranquillità.
I benefici del mandarino, però, non si fermano qui! Il frutto, infatti, è ricco di vitamina A, che protegge la vista e mantiene la pelle elastica, svolgendo un’azione antiossidante. 

Infine, i mandarini contengono anche una discreta quantità di potassio e vitamina B, che svolgono, rispettivamente, la funzione di rafforzare il sistema immunitario e quella di produrre energia, favorendo una miglior assimilazione degli alimenti. 

I mandarini fanno ingrassare o dimagrire?

Il sapore dei mandarini è indiscutibilmente dolce e questo può indurre a pensare che il frutto non sia un buon alleato nel dimagrimento. Tuttavia, questi frutti contengono, in realtà, poche calorie. Si calcola, infatti, che le calorie siano 40 per ogni 100 grammi di frutto. 

La principale fonte di queste calorie è il fruttosio. L’azione svolta da questo zucchero è quella di aumentare la glicemia, cioè la quantità di zuccheri nel sangue, e questo aumento è la principale causa di diabete. 

Comunque, i mandarini non fanno ingrassare. L’importante, però, è mangiarne una quantità ragionevole e non esagerare. Infatti, come per il resto della frutta, non è saggio né necessario eliminarli dalla propria alimentazione quando si segue una dieta dimagrante; la cosa migliore da fare, invece, è continuare a consumarli con moderazione così da continuare a godere dei benefici che apportano all’organismo. 

Quindi, mangiare mandarini durante la dieta è permesso, tanto più che questi frutti non causano particolari controindicazioni o effetti collaterali, salvo rare eccezioni in soggetti diagnosticati come allergici. Inoltre, anche le bucce dei mandarini possono apportare dei benefici: la ricchezza di fibre e di vitamine che le contraddistingue, infatti, può rivelarsi molto efficace per combattere la stitichezza, riequilibrare l’apparato gastrointestinale e contrastare la presenza di radicali liberi.