Il Milan che verrà: tra un presente disastroso e un futuro incerto

Il Milan è arrivato al punto più basso della sua stagione allo stadio Calderon di Madrid dove la formazione rossonera di Seedorf ha sofferto sotto i colpi dei Colchoneros che hanno dominato in lungo e largo. I rossoneri hanno dato il possibile, come dimostrato anche contro la Juventus ma è chiaro che la squadra è zeppa di limiti insormontabili che rendono la squadra ancora più debole ed insicura in qualsiasi sfida.

La storia recente della squadra meneghina è fatta di grandi nomi e soprattutto di grandi investimenti che però ora mancheranno certamente: i tifosi del Milan sono ormai rassegnati alla politica societaria dei “parametri zero”, acquisti molto spesso fatti in base al nome e non all’utilità per il progetto rossonero. Proprio i supporters rossoneri dovranno dunque attendere ancora tanti anni per poter vedere un Milan ad alti livelli, anche considerando la voglia del patron, Silvio Berlusconi, di non spendere più come un tempo.

L’idea del nuovo stadio è sicuramente un qualcosa che inizia a far sognare i tifosi del Milan che però non sono disposti ad accettare ancora tre stagioni senza alcun titolo. Ora come ora, la formazione di Seedorf è chiamata a svegliarsi e a cercare di fare quanti più punti possibile contro il Parma così da ridurre i punti di distacco dalla zona europea.

Leggi anche: