Il Milan torna ad essere squadra: riparte il progetto Seedorf?

Il Milan torna a ruggire a Firenze contro una Fiorentina che certo non era ben messa dal punto di vista degli infortuni, ma che a tratti è apparsa letteralmente stanca per provare ad affondare il colpo e cercare di portare a casa almeno un punto. La formazione di mister Seedorf esce dalla seconda trasferta consecutiva con ben 4 punti in tasca, con il rammarico di averne persi tanti, forse troppi per strada, e che ora potrebbero permettere di assicurarsi una posizione per l’Europa League.

Nessun crollo nel secondo tempo, come successo contro la Juventus o a Madrid contro l’Atletico per i rossoneri che fino al novantesimo hanno creato occasioni ed azioni interessanti: un segnale importante, frutto anche di un ritiro che, come ammesso da capitan Kakà, è servito a creare ancor più un clima unito tra gli atleti. Mister Seedorf è dunque al sicuro, atteso però ora anche da una continuità: sabato sera a San Siro arriva il Chievo e con tre punti i sogni Europa League del Milan potrebbero iniziare a prendere la strada della realizzazione.

I tifosi rossoneri, in massa giunti in Toscana per sostenere i ragazzi di Seedorf, hanno di che gioire dopo due ostiche trasferte contro Lazio e Fiorentina: nessun gol subito in casa di uno dei migliori attacchi del campionato, seppur senza i due bomber Rossi e Gomez, ma soprattutto una prestazione che mostra la grinta e voglia dei ragazzi di salvare una stagione che di certo non passerà alla storia. Clarence Seedorf è pronto a lavorare in questa ottica, cercando di continuare a dare una quadratura ad una squadra che nella prossima stagione è attesa dal riscatto: ora servirà solo una maggiore chiarezza dal punto di vista societario, anche per capire quale sarà il destino sul mercato del Milan.

Leggi anche: