Ingaggi calciatori Serie A, gli stipendi del Milan: Balotelli e Kakà da record

La Gazzetta dello Sport, in uno speciale sul numero odierno, fa i conti in tasca alla Serie A analizzando, squadra per squadra, gli stipendi di tutti gli elementi in rosa nelle venti di A. Soffermandosi sui guadagni dei calciatori rossoneri, si nota subito che la politica al ribasso voluta da Galliani in questi anni ha fatto sì che il Diavolo contenesse, e non poco, le spese per gli emolumenti dei propri atleti.

Comandano la classifica tra i milanisti, Balotelli, Kakà e Mexes, che primeggiano coi loro 4 milioni a stagione. Subito dietro, a mezzo milione di distanza, c’è il neo capitano Riccardo Montolivo, per il quale il Milan nutre grande fiducia quale nuovo Pirlo. Tre milioni per l’olandese De Jong, mezzo milione in meno per Robinho e per il nuovo arrivato Matri, che guadagnano centomila euro in più rispetto a Stephan El Shaarawy.

Kakà

Colpisce anche l’ingaggio di Poli (1,3 milioni), uguale a quello di un pezzo di storia di questo Milan, il portiere Christian Abbiati. De Sciglio, nonostante la giovane età, arriva già ad un milione. Chi è il più “povero” tra i milanisti? L’ultimo, simbolico, posto in questa graduatoria se lo dividono il portiere Coppola, ex Napoli, e il difensore colombiano Vergara, fermi “ad appena” 200 mila euro a stagione.

Leggi anche–> Stipendi calciatori del Napoli, Higuain il “paperone” azzurro
Leggi anche–> Stipendi dei calciatori dell’Inter, Milito il più pagato