Inter 2014-2015: Mazzarri deve recuperare Guarin

Contrariamente alle aspettative degli ultimi mesi, l’Inter 2014-2015 conterà anche su Fredy Guarin. Il colombiano non è andato al Valencia (mancato accordo tra i due club sulla formula dell’affare) e ora Mazzarri se lo ritrova in rosa, col dovere di recuperare il calciatore e di renderlo funzionale al proprio progetto tattico. Le caratteristiche tecniche del colombiano non si discutono: la continuità e la disciplina tattica sono sicuramente da rivedere, ma il Guaro è una risorsa che può tornare utile all’Inter durante la stagione.

Gli impegni sui tre fronti impongono a Mazzarri un continuo turnover per gestire le energie. In attacco, poi, con i soli Icardi, Osvaldo e Palacio a disposizione, la possibilità di impiegare Guarin quale elemento offensivo (più che una punta vera e propria, potrebbe essere un trequartista) è una ipotesi concreta, molto più di quanto possa sembrare. Il colombiano, infatti, può giocare da mezzala nel 3-5-2, può avanzare di qualche metro in un 3-4-2-1 come quello schierato domenica sera a Torino e può agire da “numero 10” in caso di 3-5-1-1.

mazzarri inter 2014-2015
Mazzarri sfrutterà Guarin o lo ha definitivamente escluso dai suoi piani?

Guarin è un giocatore in grado di creare superiorità numerica. Ha corsa, ha potenza e ha colpi: altri aspetti, come già ricordato, sono da migliorare ma il colombiano può davvero diventare l’uomo in più di questa squadra, un colpo di mercato fatto in casa. Ausilio non è riuscito a regalare a Mazzarri la punta richiesta (non per colpa sua, ovviamente) ma con i calciatori a disposizione l’allenatore può tranquillamente lavorare sull’idea di squadra che ha messo in campo sin dal primo giorno di lavoro a Pinzolo, con l’obbligo, ripetiamolo, di contribuire a recuperare Guarin, uno dei pochi patrimoni tecnici di questa Inter 2014-2015.

Leggi anche–> Guarin rimane all’Inter: può essere lui il vero colpo di mercato?

Leggi anche–> Guarin resta: è lui la quarta punta

Leggi anche–> Guarin-Valencia, tutto saltato: ecco perché