Inter, Branca: "Espulsione ingiusta, serve più uniformità di giudizio"

Walter Mazzarri non ci sta, il 3-3 gli è andato stretto e non si è presentato ai microfoni per le consuete interviste del dopopartita. Il suo posto è stato dunque preso da Marco Branca, direttore tecnico dell’Inter.

Come testimoniano le parole di Branca, al tecnico di San Vincenzo non sono andate giù alcune decisioni arbitrali, soprattutto quella riguardante lespulsione del portiere dell’Inter Handanovic, avvenuta dopo appena pochi minuti di gioco.

Al direttore tecnico nerazzurro viene posta una domanda relativa al suo pensiero circa l’espulsione del calciatore sloveno, alla quale risponde così: “Se uno guarda le immagini, si capisce. Tutti gli esperti erano vicini al mio pensiero, e quindi non credo di fare qualcosa di trascendentale se puntualizzo che all’interno di una grande partita giocata bene dal Toro siamo molto contenti della reazione e della mentalità dimostrata. Avrei voluto parlare molto più della partita”.

Handanovic InterAlla domanda riguardante l’importanza di assistenti di porta, il direttore interista risponde così: “Ci sono state altre cose che sono successe, quindi non usate la parola lamentela. E’ una puntualizzazione non preventiva, non abbiamo questa mentalità. Ma dobbiamo puntualizzare, perché anche se avessimo vinto il fatto rimaneva grosso, visto che in 10 abbiamo avuto un dispendio maggiore di energie. Anche Rolando alla fine era penalizzato. Se servono gli assistenti di porta? Dico che serve uniformità di giudizio, poi chiunque prende questo tipo di decisione ben venga”.

Leggi anche –> Torino-Inter 3-3, Bellomo: “Ho mirato l’angolo”

Leggi anche –> Torino-Inter 3-3, le pagelle: Guarin rinato, Palacio infallibile