Inter: Curva Nord chiusa per cori contro tifosi Napoli, pena sospesa

Continua il braccio di ferro tra tifosi e giustizia: dopo i casi di Roma e Milano, infatti, non passa giornata di campionato nella quale non si verifichino casi di discriminazione territoriale e razziale. Dai piani alti della FIGC Abete assicura che l’attenzione sul fenomeno non è calata, ma al contempo è necessario valutare bene la situazione di caso in caso e chiudere gli stadi sono in quelli veramente gravi.

Con il consiglio federale della scorsa settimana, la FIGC ha introdotto una sorta di condizionale: in caso di cori razzisti la squadra sarà sanzionata con la chiusura del relativo settore, ma tale pena verrà sospesa e resa effettiva solo nel caso in cui gesti simili si ripetessero nel corso dell’anno solare.

Giudice Sportivo Tosel

Il comunicato del Giudice Sportivo Tosel in merito alla sospensione del secondo anello verde dello stadio Giuseppe Meazza di Milano si attiene alle suddette nuove direttive: “Letta la relazione dei Collaboratori della Procura federale relativa alla gara Soc. Torino – Soc. Internazionale ove, tra l’altro, si attesta che “I tifosi ospiti (Inter) circa 500 su un totale di circa 1.200 intonavano i seguenti cori al 1° pt – Napoli colera – al 2° pt – noi non siamo napoletani – al 3° pt – Vesuvio, Vesuvio lavali con il fuoco – al 12° pt annuncio speaker anti discriminazione razziale e territoriale al 13° pt dalla Curva Primavera circa 50 tifosi del Torino cantavano: – lavali, lavali o Vesuvio lavali con il fuoco – subito dopo 13° pt i tifosi dell’Inter rispondevano con il seguente coro: – noi non siamo napoletani, bruciali bruciali con il fuoco – al 24° pt i tifosi dell’Inter intonavano: – Napoli colera – al 27° pt i tifosi dell’Inter intonavano – noi non siamo napoletani al 30° pt Curva primavera Torino intonavano: – lavali, lavali, lavali con il fuoco – al 35° pt seguiva il secondo avviso dello speaker anti discriminazione razziale e territoriale al 35° e 38° pt i tifosi dell’Inter si ripetevano: – noi non siamo napoletani – al 43° pt per circa due minuti la società Torino calcio attraverso il display si dissociava da ogni forma di discriminazione, al 13° pt i tifosi del Torino posizionati nella Curva Maratona esponevano per qualche minuto il seguente striscione : –discriminazione territoriale legge da …… – dopo i puntini era raffigurata la testa di un maiale. I cori sopramenzionati e intonati dai circa 500 tifosi dell’Inter e dal circa 50 tifosi della Curva Primavera del Torino sono stati chiaramente uditi dal recinto di gioco e dalla Tribuna Ovest opposta al settore in cui erano posizionati i tifosi dell’Inter.”

Tifosi Inter

Per questi motivi il Giudice Sportivodelibera di sanzionare la Soc. INTERNAZIONALE con l’ammenda di € 50.000 e l’obbligo di disputare una gara con i settori denominati “Secondo Anello Verde ” privi di spettatori (in assenza di precisi criteri normativi in tema di manifestazioni discriminatorie da parte di tifoserie “in trasferta” è equo far riferimento al settore dello stadio in precedenza destinatario di analoga sanzione); delibera di sanzionare la Soc. TORINO con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Curva Primavera” privo di spettatori.”

In conclusione di comunicato, in ottemperanza alla nuova normativa, si “dispone che l’esecuzione di tali sanzioni sia sospesa per anni uno con l’avvertenza che, nel caso di specifica recidività nell’ambito di tale periodo, la sospensione verrà revocata e la sanzione si aggiungerà a quella deliberata per la nuova violazione.”

Leggi anche–> Tifosi Inter cantano cori razzisti contro sé stessi

Leggi anche–> Notizia sconvolgente per i tifosi: Thohir cambia la maglia?