Inter, Gazzetta dello Sport: "Thohir pensa al nuovo stadio"

La grande notizia per i tifosi dell’Inter arriva direttamente dalle colonne della Gazzetta dello Sport oggi in edicola. Erick Thohir starebbe pensando, infatti, al nuovo stadio, a quell’impianto che, nella mente del presidente indonesiano, dovrebbe rappresentare a tutti gli effetti la nuova casa del mondo nerazzurro. Resta, però, da sciogliere un nodo: sarà restyling del Meazza o costruzione ex novo di un altro stadio? A tal proposito, saranno fondamentali gli incontri futuri tra Fassone e Barbara Berlusconi, per capire le intenzioni del Milan su questo punto di vista.

La Gazzetta dello Sport, spiega, nel dettaglio come potrebbe essere il nuovo stadio dell’Inter nelle intenzioni di Thohir”Lo scenario più probabile prevede una nuova convivenza rossonerazzurra. Ma in un Meazza profondamente ristrutturato. Un impianto che scenderebbe a 55mila posti (dagli oltre 70mila attuali), ma un salotto sul modello degli altri paesi europei. In parallelo verrebbero create tutte le strutture che permettono al tifoso di godersi appieno la giornata allo stadio, spendendo: negozi, ristoranti, box, aree hospitality, centro commerciale. Da verificare se il tutto sorgerebbe all’interno dello stadio o nell’adiacente area ex trotto (ancora di proprietà della Snai). Soluzione, quest’ultima, che però farebbe lievitare i costi”.

Per la Gazzetta dello Sport, in ogni caso, la soluzione al caso del nuovo stadio non è facile, né per l’Inter né per il Milan. La Rosea, a tal proposito, immagina quattro possibili ipotesi per la definizione della situazione: modernizzazione di San Siro congiunta tra i due club entro il 2018; restyling del Meazza portato avanti solo dai nerazzurri; nuovo stadio Inter in terreno privato o nell’area Expo se i costi diminuiranno; costruzione congiunta di un nuovo impianto privato da parte di Milan e Inter (questa ipotesi viene però scartata per i problemi politici che innescherebbe di conseguenza col Comune di Milano).

Leggi anche–> Nuovo Stadio Inter: Thohir ci crede