Inter, la pausa è servita?

Si è appena conclusa una settimana all’insegna delle Nazionali. Il campionato si è fermato e gli occhi dei tifosi si sono spostati sugli uomini di Antonio Conte, che saranno nuovamente in campo stasera contro Malta e sulla nazionale di pallavolo, fermata dalla Cina alle semifinali di un Mondiale capace di regalare intense emozioni. Nei prossimi giorni tutti i giocatori faranno ritorno nei rispettivi club e la testa sarà di nuovo sul campionato. Per l’Inter questa pausa è stata per alcuni aspetti positiva, per altri negativa.

Partiamo dal fatto che la sosta è arrivata dopo due clamorose sconfitte e fermarsi proprio ora è stato un bene per il gruppo di Mazzarri. Durante la settimana appena trascorsa il tecnico toscano ha dovuto rinunciare a praticamente tutti i titolari, ma ha lavorato con grande concentrazione con i giocatori disponibili. Inoltre Vidic, non convocato in nazionale, ha cercato di migliorare il suo italiano e ha lavorato duramente sul campo per recuperare il top della forma. La notizia più preoccupante è arrivata invece dal ritiro degli azzurri. Osvaldo rimedia uno stiramento all’adduttore sinistro. Inizialmente si era parlato di un mese di stop per l’attaccante più in forma dei nerazzurri, ma lo staff nerazzurro è fiducioso che possa rientrare prima del previsto. Nel frattempo Mazzarri si affiderà a Icardi e Palacio. Soprattutto da quest’ultimo ci si aspettano grandi cose. El Trenza ha approfittato della pausa per continuare a lavorare e domenica prossima per lui ci sarà una grande occasione.

Occasione che per Mazzarri sa quasi di ultimatum. Dopo le indiscrezioni che negherebbero un colloquio tra l’allenatore e Thohir, il presidente ha confermato invece la sua presenza a San Siro per il delicato match contro il Napoli. Si tratta di una partita cruciale nella quale l’Inter è chiamata a portare a casa i 3 punti e dimostrare che il momento di crisi è stato superato. Al di là degli errori tattici e tecnici che hanno fatto la differenza con Cagliari e Fiorentina, i nerazzurri devono trovare fiducia nei loro mezzi e tornare ad essere forti psicologicamente, prima che sul terreno di gioco. Giocare a San Siro sarà un’arma in più, dato che come sempre i tifosi saranno vicini alla squadra. Con questa pausa Mazzarri deve recuperare tutte le carte per giocare bene e tornare a vincere.

Leggi anche–> Inter, la rinascita passa da Kovacic

 

Leggi anche–> Inter, viaggio alle origini della crisi