Inter-Livorno 2-0, le pagelle: Jonathan travolgente, Zanetti immortale

Serata indimenticabile e di pura commozione per l’Inter. L’ultima di Moratti rende magica la cornice di San Siro e il ritorno del capitano in campo regalano ai nerazzurri le motivazioni in più per battere un buon Livorno. Alla  mezz’ora la papera di Bardi e nel finale Nagatomo danno al Biscione tre punti fondamentali per la corsa Champions.

Ecco le pagelle dei nerazzurri:

Handanovic 6: voto d’ufficio per il portiere sloveno praticamente inoperoso.

Rolando 6,5: ormai è una certezza. Partita eccellente dell’ex Porto che lascia le briciole agli attaccanti labronici.

Ranocchia 6: buona la sua prova ma non dà mai l’impressione di essere convinto di ciò che fa. Sembra sempre sul punto di commettere un errore.

Samuel 6,5: la sua esperienza dà al reparto una marcia in più. Questa sera il soprannome “the wall” la dice lunga sulla sua prestazione.

Jonathan

Jonathan 7: incontenibile. Gemiti dalla sua parte non sa come fermarlo. Propizia il gol dell’1-0 e mette in costante apprensione la difesa toscana.

Guarin 5,5: altra prova tutt’altro che convincente del colombiano. Non è mai decisivo e commette spesso fallo. (Dal 58′ Belfodil 5,5: troppo lento con la palla al piede, non coglie mai l’attimo.)

Cambiasso 7:  solita diga e solito trascinatore, sfiora l’eurogol. Di nuovo una grande prova.

Taider 6: svolge il compitino senza eccellere. In fase di recupero palla però dovrebbe fare di più. (Dall’82’ Zanetti 7: merita una standing ovation di ore per ciò che dimostra al suo club. Azione spettacolare sul secondo gol. Un grande uomo e un grande campione.)

Nagatomo 6,5: cerca il gol in più di un’occasione. Soffre Mbaye nel primo tempo ma nella ripresa spinge di più e chiude il match.

Alvarez 5,5: l’argentino oggi è spento. Un paio di buone iniziative ma nulla in confronto alle prestazioni precedenti. (Dal 71′ Kovacic 6,5: il croato stavolta è decisivo con ottimi spunti e l’assist al bacio per il 2-0)

Ricky Alvarez

Palacio 6: è solo contro la difesa livornese ma riesce comunque a rendersi pericoloso e a lavorare per la squadra.

Mazzarri 6,5: stavolta i suoi giocano sottotono ma con il minimo sforzo agguanta tre punti d’oro. Bravo nell’inserire Kovacic e nel tenere concentrata la squadra.

TUTTO SU INTER-LIVORNO

Leggi anche –> Ranocchia festeggia le cento presenze

Leggi anche –> Striscioni per Moratti