Inter News, Zanetti: "Non esiste un altro Moratti"

Dopo il passaggio di consegne con l’acquisizione del 70% delle quote della società da parte di Thohir capitan Zanetti ha rivissuto gli anni di Inter al fianco di Moratti in una lunga intervista in cui si è espresso sul presidente, sul nuovo proprietario e sul suo rientro in campo. Moratti ha individuato in queste persone delle individualità importanti, che andranno avanti per il bene dell’Inter, Thohir, quando arriverà capirà i sentimenti che abbiamo provato e che proviamo nel difendere questa maglia e questi colori. Moratti resterà e questo passaggio garantirà che l’Inter possa rimanere un club di prestigio”: queste le parole usate dall’argentino per sottolineare come la scelta di affidarsi all’Indonesiano sia stata valutata attentamente.

Ha visto e salutato il presidente, ricordando i bei momenti vissuti insieme e i tanti successi ottenuti: “Ci siamo salutati e ha detto che non cambia nulla se non altro che il nostro presidente sarà affiancato da un gruppo di persone che aprirà ad un futuro di sviluppo per questa società. Con che ruolo rimarrà in società ancora non si sa, ma la mia sensazione è che lui rimarrà con la sua quota, con tutti i sentimenti e la passione che ha dato verso questi colori”.

Zanetti

Ricordando la conquista della Champions come momento più importante della sua avventura: “La notte di Madrid rimarrà per tutti noi la notte più importante. In passato, invece, quando le cose non andavano bene, tutti noi, non solo lui ci sentivamo di dover affrontare tantissimi problemi da tutte le parti. Però anche in quei momenti lui è sempre stato corretto e puro, nonostante le critiche anche ingiuste che gli arrivavano addosso”.

Un rapporto speciale, molto più che tra proprietario e calciatore: Io ho un rapporto umano, da tanti anni con  la sua famiglia. Lui è sempre stato un presidente con tanto cuore, con dei sentimenti veri e mai un calcolatore. Nel mondo del calcio di oggi non esiste un presidente così. Gli sono stato di sostegno dopo il derby perso 6-0, ci siamo sentiti per telefono e abbiamo trovato la forza per ripartire che, forse, è anche stata sempre la forza della nostra famiglia costruita con lui. Recentemente è arrivato alla Pinetina, un’immagine che quando la guardo mi commuovo perché il nostro legame è molto forte. Mi stava spiegando come stavano andando le cose, e io gli ho detto e ribadito che sarò sempre a disposizione della società”.

Javier Zanetti Champions League

Sul suo ritorno in campo a breve si è espresso dicendo che  farà il possibile prima di tutto per sentirsi bene: “Io ho sempre detto che mi piacerebbe tornare in campo, il resto lo deciderà il mister. Quando smetterò l’intenzione è quella di restare in società e ora vedremo cosa accadrà con i nuovi soci. Ancora c’è tempo, al momento voglio rimettermi al lavoro per aiutare i compagni sul campo“.

Un’ultima simpatica curiosità la racconta con il sorriso:Agli inizi io, Zamorano, Simeone e Colonnese siamo andati a Forte dei Marmi al mare in un weekend libero e davanti ad un campetto da beach volley abbiamo deciso di metterci a giocare. Lì abbiamo incontrato la famiglia del presidente, e ci siamo messi a giocare con loro. Poi ci hanno invitato a mangiare a casa loro, con Milly che ha fatto 3 tipi di pasta diversi. E’ stata una bella giornata, ci siamo ritrovati a parlare di tante cose e anche di calcio erano davvero dei bei tempi.

Leggi anche–> Non ci resta che dire “Grazie Presidente”

Leggi anche–> Mourinho: “All’Inter Moratti ha dato tutto”

Leggi anche–> Roberto Mancini: “Moratti presidente ineguagliabile”