Inter, per Transfermarkt valore della rosa a 230 milioni

Secondo i dati del sito Transfermarkt, il valore della rosa dell’Inter, dopo la chiusura del mercato estivo, ammonta a 230 milioni. Per la precisione, la valutazione complessiva della squadra a disposizione di Mazzarri è di 229.70 milioni di euro. Il giocatore più caro della rosa interista è, a sorpresa, il portiere Samir Handanovic, valutato 22 milioni, cifra in calo rispetto ai 24 della scorsa stagione. A seguire, c’è Hernanes (20 milioni) mentre il gradino più basso del podio viene occupato dal talentino Mateo Kovacic, il cui cartellino viene valutato 19 milioni di euro.

Appena fuori dalle primissime posizioni c’è Mauro Icardi: i 18 milioni di valutazione dell’attaccante argentino lo rendono però il giocatore più in crescita di tutta la rosa. Secondo Transfermarkt, infatti, nell’arco di un anno il valore del suo cartellino è cresciuto di ben 6 milioni. Il rendimento incostante degli ultimi mesi e le continue voci di mercato hanno invece deprezzato Fredy Guarin: rispetto ai 18 milioni di un anno fa, il colombiano ora arriva appena a quota 14 diventando, di fatto, il calciatore che più si è svalutato negli ultimi 12 mesi. Vi starete chiedendo, invece, chi è il calciatore con minor valore: si tratta del giovane difensore Isaac Donkor, il cui cartellino viene valutato appena 300 mila euro.

I 230 milioni di valore della rosa dell’Inter posizionano i nerazzurri, secondo i dati di Transfermarkt, al sedicesimo posto di una particolare graduatoria che racchiude le 100 squadre più preziose del Mondo. Al primo posto, dopo il mercato faraonico dell’estate, c’è il Real Madrid: i vari Ronaldo, Bale, Benzema, James Rodriguez, Kross e compagnia fanno lievitare il valore della rosa madrilena a ben 673 milioni di euro! Cifre da capogiro!

Leggi anche–> Inter, per valore della rosa alle spalle delle big italiane

Leggi anche–> Inter, la rosa completa 2014-2015

Leggi anche–> Serie A, singolare record per Mazzarri

Leggi anche–> Curiosità Inter: Balotelli porta soldi nelle casse. Ecco come…