Inter-Qarabag, Icardi: "E' magnifico giocare con Osvaldo e Palacio"

Insieme a Walter Mazzarri, si presenta in conferenza stampa alla vigilia di Inter-Qarabag anche l’attaccante Mauro Icardi. In prima battuta, il numero 9 dell’Inter risponde alle domande sull’intesa in campo con Osvaldo“Giocare con lui vuol dire essere in coppia con un grandissimo attaccante, al pari di Palacio. Logico, vorremo giocare tutti, ma quando siamo tutti in campo ci troviamo bene. Come contro il Sassuolo, per esempio”.

A chi gli chiede se una vittoria col Qarabag può essere il giusto regalo di compleanno per Mazzarri che compie oggi 53 anni, Icardi risponde: “Il regalo non sarebbe solo per il compleanno, meglio a fine anno, con una grande stagione per lui e tutti noi”. Sul rinnovo di contratto“Sinceramente non ne so niente, se ne occupa il mio procuratore. Mi deve solo chiamare per andare a firmare. Se il mio agente mi chiama per firmare il rinnovo sono sicuramente contento. Quando ho scelto l’Inter sapevo che era una grandissima squadra e sono felice di essere qua”.

icardi osvaldo
“Giocare con Osvaldo è un vero piacere”

Da un bomber di razza come lui arrivano solo elogi per Bonazzoli e Puscas, i gemelli del gol della Primavera: “Stanno facendo bene, segnano molti gol in Primavera. Quando vengono da noi sono carichi e contenti, stanno costruendo una grande carriera, lavorano per diventare professionisti. Qui si allenano quasi tutti i giorni con noi, sono grandissimi attaccanti e possono fare bene se continuano così”.

Anche Icardi vuole mettersi alle spalle la gara col Cagliari e cercare riscatto, insieme a tutta l’Inter, col Qarabag: “Eravamo tutti dispiaciuti ma ci è servito a continuare a lavorare anche meglio. Si è visto che in questa partita non eravamo concentrati e loro stavano bene. E’ stato un errore e speriamo di rimediare auspicando che non succeda più”.

TUTTO SU INTER-QARABAG

Leggi anche–> Qarabag, il Barcellona del Caucaso

Leggi anche–> Inter-Qarabag, occasione di riscatto per M’Vila

Leggi anche–> Inter-Qarabag, Mazzarri: “Cerchiamo riscatto”