Inter-Roma 0-3, Walter Mazzarri: "Una sola sconfitta contro tre grandi squadre"

Una brutta sconfitta per l’Inter nell’anticipo serale della settima giornata che vedeva lo scontro sul terreno di San Siro contro la Roma capolista. L’undici di Garcia si è imposta infatti per tre reti a zero, siglate tutte nel primo tempo da Totti (doppietta per lui, un gol è arrivato su rigore) e Florenzi. Nella ripresa vani i tentativi di rimonta da parte dei padroni di casa, che mai hanno realmente impensierito De Sanctis. Il mister livornese cerca però di guardare oltre: Guardo oltre il risultato e sappiamo che a volte il calcio vive di episodi. A volte non ti vanno bene. Da quando sono arrivato, si cerca di far crescere la squadra e darle convinzione: l’ho vista anche oggi. Loro hanno capitalizzato situazione favorevoli come il gol di Totti da fuori area. Oggi è andata così, anche se per assurdo nel primo tempo abbiamo giocato meglio che contro la Fiorentina, guardiamo il lato positivo: abbiamo avuto solo una sconfitta contro tre grandi squadre”

Una sconfitta rotonda, che farà riflettere dalle parti di Appiano Gentile, ma l’allenatore mette in evidenza anche la forza degli avversari: “La Roma sta facendo un gran campionato, grande merito a loro e nessuno disconosce i loro meriti, anzi. Sette vittorie consecutive non sono un caso. Traguardi? Il nostro era di tornare competitivi e credo che lo siamo sempre stati, compreso oggi. Chiaramente dobbiamo ancora crescere, non so dove arriveremo ma quest’anno dobbiamo solo ragionare in termini di crescita”. Mazzarri parla anche di qualche ingenuità di troppo dei suoi ragazzi, rammaricandosi della sosta imminente per gli impegni delle Nazionali:  “Abbiamo commesso ingenuità che loro non hanno fatto. La differenza oggi è stata l’esperienza. Qualche ragazzo nostro deve crescere. Se vediamo il gol del 3-0 sul loro contropiede si vede un nostro giocatore che corre insieme all’avversario che ha la palla. Bastava invece chiuderlo e il gol non sarebbe mai arrivato. Mi spiace che adesso ci sia la sosta perché avrei voluto qui martedì i ragazzi per far vedere loro gli errori”.

Walter Mazzarri

Un’ultima considerazione verso chi analizza la rosa della squadra e sottolinea la mancanza di un giocatore alla Pirlo: “Manca un playmaker vero? “Sono contento della rosa che alleno. In generale, quando ci muoviamo da squadra come nel primo tempo, si può anche non avere un play alla Pirlo, per dire. Non credo sia quello il problema: abbiamo mezzali che entrano, gli esterni che spingono. Si può fare calcio anche in un altro modo. Ci sta di perdere una partita, l’importante è non perdere le convinzioni”.

Leggi anche–> Inter-Roma 0-3, le pagelle

Leggi anche–> Inter, amichevole con il Locarno