Inter-Verona 4-2, Ranocchia: "Che onore la fascia di capitano"

Ci sono emozioni che ti porti dentro per sempre. Come quella che ha vissuto ieri sera il difensore dell’Inter Ranocchia, durante la vittoria della sua squadra contro il Verona per 4 a 2. Al minuto numero 18 del secondo tempo si alza il tabellone luminoso del quarto uomo: fuori Cambiasso, autore del terzo gol, dentro Kuzmanovic, cambio dovuto al dover gestire le forze in vista del turno infrasettimanale che vedrà l’undici di Mazzarri di scena a Bergamo contro l’Atalanta.

DAL NOSTRO NETWORK

    No feed items found.


Ed ecco che l’Argentino si avvicina al difensore Italiano e gli consegna la fascia di capitano della squadra: “Un onore grande per un giocatore italiano come me, ma sto invecchiando, la fascia, però, non è mia ed appartiene a calciatori più importanti di me. Se dovesse capitare, io ci sarò”.

Cambiasso Inter

Sul match di ieri ha un’idea ben precisa:Non direi sia stata una partita facile, l’abbiamo preparata bene e sapevamo del loro gioco, cercavano spesso Luca Toni ma è andato tutto bene. Siamo partiti benissimo rispetto a Torino poi quando abbassiamo un po’ il ritmo andiamo in difficoltà, quindi dobbiamo lavorare su quello. Se teniamo il nostro ritmo è dura per gli altri”. Ora sotto con l’Atalanta, e Da qui alla sosta non dobbiamo più fermarci. Difficile, ma non impossibile.

TUTTO SU INTER-VERONA

Leggi anche–> Inter, cooperativa del gol: dieci nerazzurri in rete

Leggi anche–> Moratti: “Clausola per riprendermi la società”

Leggi anche–> Inter-Verona 4-2, le pagelle dei nerazzurri