Intervista a Campagnaro: "Dobbiamo continuare a far bene. La concorrezza non mi spaventa"

Da qualche partita Hugo Campagnaro ha perso il suo posto da titolare. Accanto a Rolando e Juan Jesus, infatti, sta giocando un ritrovato Walter Samuel che tanto bene ha fatto contro Sassuolo e Fiorentina. Certamente, l’argentino ex Napoli, dopo lo splendido inizio di Campionato, anche in seguito all’infortunio che l’ha fermato per varie partite, non ha più ritrovato lo smalto delle prime gare.

In un’intervista rilasciata a Sport Mediaset, il difensore nerazzurro ha affrontato diversi argomenti, a partire dall’importantissima vittoria di Sabato scorso, al Franchi, contro la Fiorentina di Montella: “Sicuramente una vittoria era fondamentale per il morale di tutta la squadra. A Firenze si è fatto risultato su un campo difficile. Dare seguito alle nostre due partite sarebbe importante, innanzitutto per sommare punti in classifica e per continuare a salire con il morale. Si sono viste prestazioni buone e altre non tanto, ma la strada delle ultime giornate è quella giusta”.

Per continuare a percorrere questa strada, sarà fondamentale fare bottino pieno contro il Cagliari di Diego Lopez. I sardi non stanno attraversando un buon momento, ma i nerazzurri con la piccole, quest’anno, ha faticato parecchio. Queste la parole di Campagnaro a tal proposito: “Questa è stata una cosa che ci ha creato problemi. Abbiamo fatto un po’ di fatica con le squadre che giocano dietro”.

Adesso la squadra, grazie anche agli arrivi dal mercato invernale, sembra avere più alternative in panchina. La concorrenza fa bene ai giocatori che, in tal modo, sanno che devono fare sempre bene per esser schierati titolari da mister Mazzarri: “Nelle ultime settimane soprattutto c’è stata molta concorrenza. Questo è fondamentale per il bene della squadra. Nessuno sente di avere in tasca il posto fisso e questo fa crescere la squadra”.

Sui reali obiettivi dell’Inter in stagione, anche e soprattutto dopo le due ultime importantissime vittorie, l’argentino non si sbilancia: “Noi, nello spogliatoio, non guardiamo ad un obiettivo finale, è troppo lontano. Adesso stiamo pensando al Cagliari”. A Giugno ci saranno i Mondiali in Brasile e Campagnaro sa che si gioca in questi mesi la convocazione da parte di mister Sabella: “Io devo fare il massimo perché si è visto che nel calcio nessuno regala niente […] Devo ritrovare la tranquillità che avevo prima e che mi permette di giocare sereno, perché l’avevo un po’ persa”.

Infine, su Icardi che Sabato, subentrando a Milito dalla panchina ha segnato la rete che ha permesso all’Inter di vincere e in merito al fatto che troppo spesso è stato al centro dell’attenzione mediatica per cose extracalcistiche, il difensore nerazzurro è chiaro: “Non credo si possano dare consigli a Mauro. Ha fatto 21 anni e sa quello che può e non può fare. Sa come funziona tutto il mondo del calcio”.

Leggi anche–> Campagnaro: “I tifosi devono essere ottimisti”

Leggi anche–> Inter-Cagliari, Mazzarri alla ricerca del record di vittorie consecutive