Intervista a Mazzarri: "Inter? Anche noi torneremo a vincere"

Il tecnico dell’Inter Walter Mazzarri ha partecipato ad un convegno che si è tenuto presso l’Università degli Studi di Milano, in cui ha risposto a molte domande relative al calcio e non solo, riportate da La Gazzetta dello Sport. Relativamente alla squadra nerazzurra, il tecnico di San Vincenzo ha parlato così: “Il nostro è un progetto che va avanti nel tempo. E’ iniziato un nuovo ciclo, e nessuno ha sottolineato che stiamo giocando con 4 giovani. Anche noi torneremo a vincere. Ho pagato in carriera per i miei limiti di comunicatore. Quando ero alla Reggina mi voleva una grande squadra, ma i dirigenti hanno detto: “No, è scontroso con le tv”.

L’allenatore dell’Inter si sofferma anche a parlare della sua vita privata: “Ho ancora il rammarico di aver trascurato mio figlio e questo l’ho raccontato nella biografia di Alciato. Ma io do tutto nel lavoro. Il valore del parco-giocatori dell’Inter oggi è diverso rispetto al passato. Quindi bisogna trovare la qualità attraverso il lavoro. Non fai la grande squadra solo con i grandi ingaggi. Ho sentito sussurrare: “È arrivato. È bollito”. Quando lo sarò, smetterò subito. Invece, sono supercarico, più carico dell’esordio in A.  Al Napoli ho dimostrato di saper portare avanti un progetto. La mia speranza è di arrivare subito alla Champions”.

Infine, dato che il convegno riguardava un corso di laurea in Vitivinicoltura ed Enologia, gli viene chiesto quale vino potrebbe essere, al che lui prontamente risponde: “Del Brunello di Montalcino o del Sassicaia”.

Leggi anche -> Calciomercato Inter, Mazzarri: “La società ha fatto il massimo”

Leggi anche -> Inter, Mazzarri: “Obiettivo stagionale? Creare mentalità vincente”