Intervista a Mazzarri: "Mi sento sempre sotto esame. Al mio contratto penseremo a Maggio"

Questo pomeriggio, alla libreria Feltrinelli di Milano si è tenuta la presentazione del libro di Walter MazzarriIl meglio deve ancora venire”. Per l’occasione, il tecnico nerazzurro ha voluto esser presente e ha risposto alle domande dei giornalisti intervenuti. In merito alle recenti parole di Thohir, non soddisfatto dalla pur sfortunata sconfitta dei nerazzurri contro ll’Atalanta che minaccia di apportar dei cambiamenti, l’allenatore di San Vincenzo si è detto tranquillo: “Io mi sono sempre messo sotto esame, è uno stimolo per tutti. Siamo d’accordo sul progetto e nel dire che in base a come finirà quest’anno sarà più facile programmare il futuro”.

Sulla possibilità di prolungare il suo attuale contratto, Mazzarri ha dichiarato: “Io ho detto che volevo concentrarmi al massimo sul campo. Per un prolungamento si penserà a Maggio a fine campionato. Il mio lavoro, che è allenare, finirà il 19 e penserò a me stesso. Non è un risultato che cambia la mia visione del lavoro. Con Fassone e Ausilio si valuta cosa fa l’allenatore, nei momenti facili e difficile, fa crescere i giovani, rivaluta la rosa. In un anno di transizione i risultati non contano quasi niente. Domenica si è visto che il calcio è fatto di episodi che sfuggono alla logica. Avremmo meritato di vincere, se la rigiocavamo 15 volte nelle maggior parte facevamo risultato pieno. Poi ti trovi a commentare una sconfitta. Se ti trovi a programmare non valuti il risultato, ma la prestazione. Chi è preposto a farlo ha le idee chiare”.

Nonostante la sconfitta di Domenica scorsa, l’allenatore è soddisfatto del lavoro fatto dalla squadra finora, seppur resta il rammarico per qualche punto perso di troppo: “Con pochi punti in più che meritavamo saremmo stati in posizioni più consone. E dice molto sulla crescita, non abbiamo raccolto quanto meritato. Ma siamo cresciuti di mentalità e come singoli. Anche domenica abbiamo perso un uomo nel finale, ma provato a vncere fino alla fine. Questa mentalità può portare dal prossimo anno nel competere per tutto, come merita un club di questo blasone. Ci sono state gare anomale, dove si è perso punti”.

Innegabilmente la stagione dei nerazzurri è stata costellata da episodi dubbi e altri molto sfortunati, prova ne sono i 17 pali colpiti dagli uomini di Mazzarri. Queste le parole del tecnico a riguardo: “Se uno pensa ai 4 pali, potevano essere almeno due gol. Io cerco di avvicinarmi alla scienza, ma non è esatta il calcio. Lavoro sull’attenzione, ma se la palla non vuole entrare non entra. L’occasione di Jonathan e Icardi, come l’ultima al 94′ con Nagatomo sembrava fatta, ma non è entrata. Cosa si deve fare di più? Forse solo l’attenzione sul gol di Bonaventura allo scadere. È un errore del momento, è una gara che se rigiochiamo dieci volte nove volte vinciamo. Devo pensare così, con l’Udinese mi aspetto che vada bene, magari con le occasioni avuti con l’Atalanta”.

In merito alla partita di Giovedì sera che vedrà l’Inter opposta ai bianconeri dell’Udinese, l’allenatore dei nerazzurri ha dichiarato di aspettarsi “Una partita insdiosa come con l’Atalanta. Si gioca con allenatori molto bravi, che a San Siro vengono per due risultati e ti mettono sempre in difficoltà. Io mi auguro di fare la prestazione vista con l’Atalanta e di essere fortunati in zona gol. Ai giocatori ho corretto i pochi errori in fase difensiva, ho parlato dell’approccio non buono, quando ci hanno messo in difficoltà. Nel secondo tempo invece nel recupero palla siamo stati perfetti, avevo corretto tutto già all’intervallo. Li ho convinti ancora di più che è la strada giusta e non dobbiamo sottovalutare i pericoli”.

Infine,WM non ha voluto, invece, sbilanciarsi in merito alla formazione che manderà in campo: “La formazione la decido da domani. Con le tre gare di fila,a parte Andreolli che sta bene ma ho impiegato meno, tutti possono giocare titolari. Qualche cambio nel reparto difensivo lo posso fare, ma deciderò da domani, anche in base a come staranno quelli che hanno giocato”.

Leggi anche -> Inter-Atalanta 1-2, Mazzarri: “Di chi è la colpa? Non ve lo dico”