Italia ai Mondiali 2014, Buffon: “Più facile vincere rispetto alla Champions”

E’ più facile vincere il Mondiale che la Champions League”. A decretarlo è il portiere e capitano della Nazionale Gigi Buffon che ha meglio spiegato il suo concetto in conferenza stampa: “Il Mondiale è una competizione strana e breve nella quale i parametri dei valori non vengono rispettati, servono energia, freschezza e fortuna. A differenza della Champions che dura una stagione, qui c’è spazio per gli outsider”. Ma se Prandelli ha dichiarato di poter arrivare almeno in Finale, il portiere non si sbilancia: “Dai quarti sarebbe un buon mondiale, un mondiale positivo, non ci si accontenta mai, dipenderà anche dagli incroci”.

Ma l’Italia paga un gap nei confronti delle altre Nazionali? “Siamo una squadra matura, con certezze, che conosce i limiti, siamo affidabili. Bisogna riconoscere che Brasile, Argentina, Spagna e Germania sono uno o mezzo gradino sopra di noi. Loro davanti poi noi, la Francia che ha un potenziale esplosivo come squadra e giocatori, il Belgio come sorpresa ma non tanto fino a quarti o semifinale. Metto dentro anche un’africana”, ha risposto Buffon.

Inoltre il capitano della Nazionale ha poi voluto sottolineare come il gruppo arrivi da dieci giorni pesanti e ha aggiunto: “Dal punto di vista tecnico e tattico cambierà poco, possesso palla per puntare a rete, per fare male agli avversari, in questo senso Prandelli è l’artefice principe. Senza equilibrio non si centrano grandi risultati”.

Leggi anche — > Italia ai Mondiali 2014, Prandelli: “Possiamo arrivare in Finale”

Leggi anche — > Nazionale Italiana: Buffon para 3 rigori all’Uruguay