Italia ai Mondiali 2014, Marchisio: “Ce la giocheremo a testa alta”

Questo pomeriggio è intervenuto in conferenza stampa il centrocampista della Nazionale e della Juventus Claudio Marchisio. Arrivato con qualche minuto di ritardo, Marchisio ha risposto alle diverse domande postegli dai giornalisti. Ricorda il risultato pessimo raggiunto dall’Italia nei Mondiali in Sud Africa, ma taglia subito corto: “Siamo concentrati su questo Mondiale” e non si sottrae alla domanda su Mario Balotelli che ieri ha fatto la sua proposta di matrimonio a Fanny: “L’avete visto questa mattina. C’è stato un applauso a Mario e un abbraccio, ma sono cose sue personali. Dovete chiedere a lui come l’ha vissuta, adesso stiamo pensando solo al Mondiale”.

Ci si concentra quindi sulla competizione prossima all’avvio e a tal proposito non poteva mancare la domanda sulla condizione fisica sua e della squadra: “Quest’anno ho avuto problemi importanti al ginocchio – dice Marchisio – poi mi sono ripreso. Il fatto di aver giocato meno all’inizio mi ha portato ad essere più fresco qui. La squadra ha risposto bene ai test, stiamo continuando a lavorare, la squadra sta bene. Stiamo pensando solo all’inizio del Mondiale”. Al debutto l’Italia dovrà vedersela con l‘Inghilterra: “Sarà una partita molto difficile. E’ una squadra diversa rispetto a quella dell’Europeo, così come siamo diversi noi. In questi due anni siamo cresciuti, ma adesso dovrà parlare il campo. Con l’Inghilterra ci si aspetta sempre grandi sfide”.  E sul modulo: “Abbiamo provato negli ultimi due test due moduli diversi, ma sarà il mister a scegliere. E’ importante sentirsi tutti parte del progetto del Ct”.

Parla quindi dei punti da migliorare, soprattutto la difesa: “Abbiamo lavorato sulle uscite, abbiamo qualche giorno per lavorare su questo, ma ciò non vuol dire che non siamo pronti. Stiamo perfezionando il nostro lavoro”. E sulla possibilità di vedere Pirlo e Verratti giocare insieme contro l’Inghilterra dice: “Siamo due squadre diverse con caratteri diverse. Abbiamo provato un centrocampo con Pirlo, De Rossi, Verratti, ma anche Thiago Motta per cercare di trovare un gioco con più possesso palla possibile”, ma l’augurio è quello di poter scendere lui in campo: “Tutti desiderano di scendere in campo sia con la maglia del Club che con quella della Nazionale, ma sia alla Juve che qui ci sono grandi campioni. E’ importante presentarsi bene a livello mentale, per il resto ci si può lavorare. Le decisioni di scendere in campo, poi, le prende l’allenatore”. Dà, poi, il suo parere su Darmian: “Mi ha colpito la sua personalità, si è presentato bene contro l’Irlanda mostrando grande qualità e carattere. E’ un ottimo giocatore”.

Prandelli qualche giorno fa si era detto ottimista e Marchisio non è da meno: “Siamo una grande Nazionale, dobbiamo essere ottimisti e cercare di arrivare fino in fondo. L’ottimismo ci deve essere, lavoriamo per andare fino in fondo, ce la giocheremo a testa alta. Sappiamo che la prima è la più importante, con questo clima e con questa umidità è necessario fermarsi, perché le energie si assottigliano in fretta”.

TUTTO SUI MONDIALI IN BRASILE

Leggi anche: