Italia, Balotelli contro Prandelli: “Non è vero uomo”

Non è un vero uomo“. Cosi Mario Balotelli definisce l’ex commissario tecnico Cesare Prandelli in un’intervista rilasciata a un magazine inglese, e riportata quest’oggi sul Corriere dello Sport. Evidentemente  gli strascichi dell’eliminazione dell’Italia ai Mondiali in Brasile della scorsa estate non sono ancora terminati, come testimonia questa pesante dichiarazione  di “Supermario”.

Ma andiamo con ordine. Balotelli ritorna sul suo mondiale, affermando che “ho avuto 2-3 occasioni al massimo in tutto il torneo, ho segnato contro l’Inghilterra ma per il resto non avrei potuto fare molto di più“. Quindi l’attacco a Prandelli: “Anche lui ha parlato male di me, non mi aspettavo che lo facesse davanti ai giornalisti”. E aggiunge: “Non gli ho risposto perché gli uomini veri si dicono le cose in faccia”.

L’attaccante si sofferma poi sulle mancate convocazioni di Conte in queste prime partite: ” Posso capire perché in questo momento non sono in nazionale, ci sono altri attaccanti che stanno segnando e quindi stanno meritando la convocazione“. Ci tiene però a precisare che “amo l’Italia e nessuno può dire nulla sul mio attaccamento alla maglia azzurra, sono rimasto molto male per le critiche ricevute ai Mondiali“.

Infine, alcune considerazioni sulla sua avventura Oltremanica:Naturalmente mi mancano i miei genitori e gli amici, ma quando torno trascorro tanto tempo in compagnia della mia famiglia”. Sulle critiche piuttosto aspre dei tabloid inglesi: “Non capisco perché cerchino sempre di dare una brutta immagine di me, io vivo in campagna e penso solo al calcio“. Quindi conclude: “Quando però vedo che i bambini mi chiedono sempre foto e autografi, capisco che non ho fatto nulla di male”.

Leggi anche