Italia-Spagna, Confederations Cup 2013: Ultime e Formazioni

Ci siamo, le battute finali di questa Confederations Cup si stanno delineando man mano e se ieri il Brasile (2-1) passa di misura, stasera tocca all’Italia recuperare la faccia per quel 4-0 subito nella finale dell’europeo appena un anno fa.

Sicuramente a causa delle precarie condizioni fisiche di alcuni giocatori e l’assenza per infortunio di Balotelli, l’impresa sarà resa ancora più ardua.

La sconfitta con questa situazione delineatasi agli albori del match ci starebbe pure, ma un massacro come l’ultimo match ufficiale davvero sarebbe troppo. Più motivazioni per l’Italia quindi in questa partita contro la Spagna che forse di vincere il torneo di quest’ultima.

cesare prandelli

L’Italia esordirà con una difesa a 3 e Bonucci, Barzagli e Chiellini insieme a Buffon, Pirlo, Giaccherini e Marchisio saranno i 7 juventini a cui ci si affiderà per compattare questa Italia che Cesare Prandelli ha anticipato voler assemblare senza azzardi.

La Spagna si affiderà invece ai giocatori del Barcellona e Del Bosque affiderà  a Xavi, Iniesta e Busquets le chiavi del centrocampo che oramai giocano senza nemmeno guardarsi, Jordi Alba che con le sue incursioni continue in attacco e che ricorda il grande Maldini è il pericolo numero 1 per l’Italia e Fabregas che parte da sinistra e continuamente cambia  posizione con l’attaccante centrale non è da meno, a destra c’è Pedro a completare il 4-3-3 che ha sgominato tutti gli avversari fino a questo momento.

L’unico a mettere a segno un gol agli spagnoli in questo torneo è stato Suarez e su calcio di punizione, a dimostrazione che segnare alla Spagna è davvero difficile e ad essere onesti lo è ancor di più entrare nella loro area di rigore.

Viste le grandi doti di palleggio e di possesso palla degli spagnoli servirebbe una condizione atletica perfetta per contrastare la loro organizzazione tattica, cosa che in questo momento non si può dire dell’Italia, una sconfitta preannunciata probabilmente ma di sicuro non con 4 gol di scarto.

Leggi anche–>Confederations Cup 2013: Italia in Brasile da protagonista?