Juve-Milan 3-1, Sconcerti: "La vittoria ha nascosto una piccola crisi di gioco"

Due giorni dopo la vittoria contro il Milan 3-1, Mario Sconcerti analizza la partita dei bianconeri, affermando, un po’ controcorrente rispetto ad altri addetti ai lavori, che “la vittoria ha nascosto una piccola crisi di gioco che le ha impedito alla Juve di vincere già ora il campionato”.

Ma cerchiamo di capire bene il pensiero del giornalista, espresso sul Corriere della Sera. Per Sconceti “la Juve gioca meglio della Roma, ed è più forte in generale, ma non è brillante come due mesi fa”. Quindi aggiunge: “Contro il Milan ha vinto facilmente, ma c’è stata molta confusione, soprattutto a centrocampo, dove Vidal, Pirlo, Marchisio e Pogba, non hanno certo disputato la loro miglior partita”.

Prosegue: “Le difficoltà non si vedono in classifica, ma nel gioco si, e non a caso Allegri ha spesso parlato di errori tecnici, segno che anche lui ha notato questo”. Quindi chi può essere la vera antagonista della Juve? “La Roma sopravvive al suo mese di crisi con una classifica ancora buona, la Juve non è riuscita a metterla fuori”.  Per quanto riguarda il Napoli, “oggi è forse la squadra migliore, ma né ieri lo è stata né forse domani lo sarà”. Quindi conclude: “Il campionato non si è riaperto, ma ha avuto la piccola bontà di non chiudersi”.

Leggi anche: Giovanni Mura: “Questa Juve è troppo forte, reazione da grande squadra”

Leggi anche: Gaetano Fedele: “Lo Scudetto è giá della Juventus”