Juve, Quagliarella: “Non mi dovevano escludere dalla lista Uefa”

Durante la trasmissione di Pierluigi Pardo, Tiki Taka, fra i tanti ospiti, è intervenuto anche Fabio Quagliarella.Il giocatore napoletano, mattatore dell’ultima partita del Torino contro l’Udinese, chiarisce la sua posizione in merito all’inizio di stagione un po’ zoppicante in zona goal da parte dei granata poi parla del suo addio al Napoli e infine spiega quello che più gli ha lasciato l’amaro in bocca nella sua esperienza alla Juventus: “All’inizio si parlava di attacco in crisi, ma dissi al mister che non mi preoccupava la mancanza del gol perché le occasioni c’erano. Ci ho sperato ad un ritorno a Napoli. Mi dissero che c’era possibilità e dissi al mio procuratore di dare priorità a Napoli e Torino”.

Quagliarella ha poi sottolineato: “Ho sempre dichiarato che non sono stato io a voler andare via, lo ribadisco, poi ognuno ha detto la sua e sono uscite cose non belle nei miei confronti. Nel mio cuore l’azzurro resterà sempre anche se mi fischiano e fanno cori. A volte gli innamorati si lasciano senza un perché. Con la Juve ci sono rimasto male per l’esclusione dalla lista Uefa”.