Conte contro Capello: “Si ricordano solo due scudetti revocati”

Dopo il pareggio ottenuto contro il Verona, la Juventus di Antonio Conte assapora di nuovo il gusto della vittoria imponendosi per 3-1 sul Chievo e, intervistato ai microfoni di Sky al termine della gara, il tecnico bianconero non perde tempo a zittire quanti, nel corso della settimana, avevano fatto piovere sulla Juventus numerose critiche.

Conte motiva la decisione presa la scorsa settimana, a seguito del pareggio ottenuto contro il Verona, di annullare il giorno di riposo: “A volte devo alzare la voce per non smarrire la via maestra, l’ho fatto non per il pareggio di Verona ma per come si era verificato. Era giusto fare così per crescere ulteriormente, era per far notare che certi punti non vanno lasciati per strada”.

Si riferisce quindi alle critiche ricevute in settimana: “Ho sentito tante fesserie, questo ormai è il calcio in Italia. Rimango sbalordito perché si tratta di persone di un certo livello. Mi riferisco a quelli che vogliono fare i maestri senza conoscere gli ambienti altrui: sarebbe opportuno che guardassero più in casa loro”. 

Il tecnico bianconero prende poi di mira Fabio Capello che ha definito poco competitiva la Serie A e giusta l’eliminazione della Juventus dalla Champions: “Vorrà dire che il prossimo anno ci iscriveremo al campionato inglese”, e sempre a proposito dell’ex juventino dice:Capello ha il vizio di guardare sempre in casa d’altri. Aveva una squadra fortissima, ha vinto due scudetti ma qui nessuno si ricorda di lui. Anche lui uscì prematuramente dalla Champions League. Bisognerebbe riflettere prima di parlare”.

A proposito della partita e a proposito di critiche, criticato più di tutti e certamente poco compreso dai tifosi bianconeri è sicuramente Sebastian Giovinco che, partito titolare quest’oggi contro il Chievo, non è riuscito a soddisfare il suo pubblico. Una volta richiamato in panchina da Conte, infatti, la Formica Atomica è stata riempita di fischi che, a parer del tecnico della Vecchia Signora, sono quanto mai ingiusti e fuori luogo: “Trovo ingiusto il clima che si è creato nei suoi confronti, non mi do spiegazione. C’è una tale amarezza che non ho nemmeno voglia di parlarne: ognuno si faccia un esame di coscienza”.

Leggi anche-> Juventus-Chievo: Video Gol e Sintesi