Juventus, Conte vuole il 4-3-3: Menez o Biabiany a gennaio?

Rivoluzione in vista per la Juventus. Le difficoltà evidenziate nelle prime uscite dei bianconeri (soprattutto europee) potrebbero convincere Antonio Conte a variare il classico 3-5-2, che ha portato ai due Scudetti consecutivi.

Ormai gli avversari riescono quasi sempre a rallentare la manovra dei campioni d’Italia, fattore che per il momento non ha influito più di tanto considerando che i punti sono gli stessi della scorsa stagione. Un campanello d’allarme che però ha fatto riflettere il tecnico pugliese, pronto già alle contromisure.

Il modulo che secondo l’allenatore (e i tifosi) sarebbe ideale per questa squadra è il 4-3-3 in stile Barcellona, con i tre fenomeni a centrocampo ed i terzini pronti a salire  per dare una mano in fase offensiva. Attuare questo schema non è al momento possibile: Simone Pepe è l’unico esterno d’attacco in rosa e, anche quando avrà recuperato dall’infortunio, servirà comunque un altro elemento.

biabiany

Marotta e Paratici sono all’opera per rimediare a questa situazione. E’ pronto l’assalto nel mercato di riparazione per Jeremy Menez e Jonathan Biabiany. La punta del PSG, ai ferri corti con Blanc, è stato richiesto espressamente dal mister e in alternativa c’è la giovane ala del Parma. Il sacrificato di turno sarà con ogni probabilità Mauricio Isla che in bianconero ha deluso e che a gennaio dovrebbe finalmente accasarsi all’Inter.

E intanto? Conte sta lavorando per proporre una sorta di 4-3-1-2, con il rombo a centrocampo. Pirlo centrale, Pogba e Marchisio ai lati e Vidal nel ruolo in cui è già stato adoperato ai tempi del Leverkusen: trequartista alle spalle delle due punte.

Una mediana che non ha nulla da invidiare alle big d’Europa in attesa degli eventuali rinforzi sulle fasce, potrebbe essere la mossa giusta per tornare a dominare in Italia e per giocarsela quantomeno alla pari in Champions League.

 

Leggi anche–>Victor Valdes l’erede di Buffon?
Leggi anche–>Curve chiuse, il messaggio degli ultras
Leggi anche–>Giaccherini lotta per non retrocedere