Juve goditi Dybala: come Tevez, meglio di Del Piero

Lega Pro

Ricordate quando in estate si guardava con scetticismo all’acquisto molto più che oneroso di Paulo Dybala?

Beh, ancora una volta, il campo ha saputo rispondere a questo ennesimo quesito, smentendo con decisione tutti coloro che avevano messo in dubbio le straordinarie qualità del talento argentino. Nonostante i soli 22 anni, infatti, la Joya ha dimostrato di non sentire minimamente la pressione di indossare una maglia così prestigiosa, la numero 21, sulle spalle di un fenomeno come Andrea Pirlo sino a qualche mese fa. 11 gol (9 in Serie A, 1 in Supercoppa e 1 in Coppa Italia) in 25 partite sono tantissimi, considerando che il ragazzo non è sempre partito dal primo minuto e, soprattutto, ha dovuto affrontare un vero e proprio processo mediatico, in coppia con mister Allegri.

Negli ultimi due mesi, la situazione, così come la sua condizione psico-fisica, è decisamente cambiata: la media gol dell’ex Palermo è addirittura “un gradino sopra” rispetto a quella di Alex Del Piero, nella stagione in cui la Juve alzò la sua seconda Champions League (1996).
La chiave del successo dell’argentino, però, non sta nei piedi, ma nella testa. Sì, perché per un ragazzo del ’93, alla quale è stato praticamente chiesto di rimpiazzare un mostro sacro come Carlos Tevez, la pressione può risultare tanta, forse troppa. Ma Paulo Dybala ha saputo far fronte alle esigenze del pubblico e della dirigenza, lavorando assiduamente, con la giusta voglia di emergere.

Ed è proprio grazie a questa sua “voglia” se in campo riusciamo a vederlo così tenace e mai remissivo; grazie al suo carattere freddo ed umile, che lo porta automaticamente a preferire una strada fatta di sacrifici e serietà nel lavoro, piuttosto che un’altra illuminata dai riflettori.
Ormai, il ragazzo è già diventato uomo, è già leader di una squadra blasonatissima, e di certo non intende fermarsi qui.

Tutto questo, ovviamente, non può che giovare la Vecchia Signora, che, grazie anche al nono sigillo in campionato del proprio fenomeno, ha saputo ottenere l’ennesima schiacciante vittoria.

E se il diamante “grezzo” dovesse continuare così, per la Signora non sarà l’ultima.

Leggi anche –> Juventus-Verona 3-0: Video Highlights e Sintesi 

Leggi anche –> Dybala: “La 10 pesa quanto la 21. Le punizioni…”