Juventus-Fiorentina 1994: il gol di Del Piero che è passato alla storia (video)

Nonostante la rivalità tra le tifoserie (e ultimamente anche tra le società) la partita con la Fiorentina è un appuntamento che rievoca piacevoli ricordi per i tifosi juventini. Tra le tante partite che hanno fatto la storia della Juventus, infatti, quella giocata al Delle Alpi il 4 dicembre del 1994 (che molti di voi ricorderanno per la magia di Del Piero) merita sicuramente un posto di rilievo.

Si, perché quella partita è stata, a detta di molti, la chiave d’accesso a 12 anni di successi e quella rimonta è diventata il simbolo di un’epoca, il simbolo della Juventus vincente della triade Moggi–Giraudo–Bettega. In quell’ormai lontano pomeriggio di dicembre successe che Lippi, complici le contemporanee assenze di Baggio, Kohler, Di Livio e Conte, fu costretto a rivoluzionare la squadra da contrapporre alla Fiorentina di Ranieri che invece poteva contare su tutti i titolari.

lippi

Nonostante il buon gioco espresso dai bianconeri il primo tempo si concluse con la squadra di Ranieri in vantaggio per 2 a 0 grazie alle reti di Baiano e Carbone. Nella ripresa, a poco più di un quarto d’ora dal termine Vialli segnò due gol: il primo al 73’ di testa su cross di Ravanelli, il secondo al 76’ con un diagonale di destro dall’interno dell’area piccola, sempre su sponda di Ravanelli.

La rimonta si concretizzò all’87’: lancio di Alessandro Orlando verso l’area di rigore avversaria dove Del Piero, con un movimento tanto innaturale quanto obbligato, colpì il pallone al volo con l’esterno del piede destro disegnando una parabola che scavalcò Toldo per infilarsi in rete. Il futuro capitano aveva appena  messo la firma su uno dei gol più belli non solo della sua carriera ma della storia del calcio.
Quel pomeriggio iniziò una “dittatura”calcistica che portò la Juventus a vincere 7 scudetti, 1 Coppa Italia, 1 Champions League,1 Coppa Intercontinentale, 1 Supercoppa Uefa e 4 Supercoppe Italiane.

Ecco il video:

Leggi anche–> Fiorentina-Juventus: ultima chance per Motta
Leggi anche–> Che fine ha fatto Berbatov?