Juventus-Fiorentina, Sousa: "Possiamo competere con tutti"

Dopo Max Allegri, è toccato a Paulo Sousa presentare questo Juventus-Fiorentina, uno dei due big match della diciassettesima giornata di Serie A: “Affrontiamo una squadra che non ha cominciato bene, ma ora si è ripresa, grazie alla loro capacità di trasmettere serenità anche nei momenti più difficili. Noi siamo consapevoli delle nostre capacità e di poter competere con tutti. Dobbiamo giocare in trasferta così come giochiamo in casa, mantenendo un’identità di gioco”.

La Juve deve recuperare e potrebbe giocare all’arrembaggio, per accorciare il distacco dai viola: “La cultura e la storia della Juventus insegnano ai giocatori ad essere tranquilli anche sotto pressione. Questa è una delle qualità più grandi della società bianconera. Domani dovremo scendere in campo concentrati, usando il cuore per spingere e la testa per ragionare nei momenti in cui saremo costretti a soffrire”.

Da ex centrocampista bianconero, davvero non ha mai pensato di allenare la Vecchia Signora? “Non ho mai pensato a una squadra in particolare. Io ho sempre lavorato per migliorarmi, sia da calciatore che da allenatore, e ora sono orgoglioso e felice di essere l’allenatore della Fiorentina”.

Il Settore Ospiti dello “Stadium” sarà completamente esaurito: “Credo che queste partite sia più bello viverle da giocatore che da allenatore. Noi sentiamo molto questo profondo amore dei tifosi per la maglia viola e faremo di tutto per regalargli una gioia e una soddisfazione. Sarà una partita spettacolare”.

Chi è la squadra più forte e completa della Serie A? “Io ho sempre detto che la Roma è quella più completa ed equilibrata, ma la Juve è sicuramente quella più brava a difendere in Italia e tra le migliori in Europa. Ciò che sorprende della squadra di Allegri è la maturità e l’intelligenza tattica, la capacità di comprendere ogni situazione durante i 90 minuti”.

TUTTE LE NOTIZIE SU JUVENTUS-FIORENTINA