Juventus-Galatasaray 2-2: le pagelle di calcionow.it

E’ una serata amara, lo è per tutta la tifoseria juventina, lo è per Antonio Conte, che forse questo finale di partita lo guarderà a rallentatore altre mille volte per poter evitare errori del genere in futuro, lo è per Leonardo Bonucci, che nonostante tutto rimane sempre uno dei tanti artefici di quello che la Juve è diventata in questi ultimi anni, lo è per Fabio Quagliarella, che a suon di gol si sta guadagnando un posto da titolare che forse tarda ad arrivare.

Metabolizzare non è facile, specie per chi, come noi, è poco abituato alle sconfitte: è in casi come questi che ci viene da invidiare chi è più sfortunato di noi e di trofei non ne ha alzati poi così tanti. Questo qualcuno, forse, le delusioni riesce a metabolizzarle in fretta, in maniera quasi automatica (ogni riferimento a cose o persone è puramente intenzionale).

Fabio Quagliarella

Ecco quali sono, a caldo, i voti di calcionow.it per Juventus-Galatasaray:

JUVENTUS

BUFFON 5: Insicura l’uscita in occasione del primo gol, ma le colpe non possono che ricadere sul maldestro lancio di Bonucci. Per lui non è il periodo migliore.

BONUCCI 4: Un giorno forse ci spiegherà cosa gli sia preso al 36′ del Primo tempo, tenendo conto che di lanci del genere, nel calcio, non se ne dovrebbero fare mai. E’ comunque troppo facile scaricare a lui tutti i demeriti, una sola cosa è certa: deve migliorare e ha le possibilità per farlo.

BARZAGLI 6: L’unico a salvarsi del trio difensivo. Ci mette tanto cuore e tanta qualità ma qualche volta deve arrendersi alle sportellate di Drogba.

CHIELLINI 4,5: Drogba è un brutto cliente e lui si fa trovare prontamente impreparato. Colpevole quasi quanto Isla in occasione del gol del pari dei turchi.

LICHTSTEINER 6: Se non fosse uscito con largo anticipo, forse il risultato sarebbe stato un altro.

ISLA 4: Un giorno forse anche lui ci spiegherà dov’era all’88’minuto, ma che si cerchi un buon avvocato. Neanche dalla metà campo in su riesce ad azzeccarne una, non crediamo sia il caso di dargli ulteriori occasioni.

PIRLO 6: Sbaglia qualcosa (e già questa sarebbe una notizia) ma poi pennella un assist meraviglioso per Fabio Quagliarella e si riscatta. Immortale.

POGBA 5,5: Riesce a farsi spazio in diverse occasioni ma non prova mai la conclusione. Prestazione deludente, se consideriamo che ci ha abituato a ben altri standard.

Arturo Vidal

VIDAL 6,5: La sua stella brilla anche in una serataccia come questa. Freddissimo dal dischetto, padrone nella zona nevralgica del campo, peccato per i troppi palloni spediti tra la folla.

ASAMOAH 6: Corre come una locomotiva per novanta minuti e più, ma non riesce ad azzeccare un cross nemmeno lontanamente. Nel primo tempo cerca il gol con una botta mancina niente male, la palla però si alza troppo.

TEVEZ 6,5: Se fosse arrivato alla Juve l’anno scorso, probabilmente il Napoli avrebbe concluso a -50. Dimostra sempre e comunque di essere un calciatore completo, anche quando non riesce a cambiare le sorti del match.

VUCINIC S.v.: Quasi inesistente durante la sua breve apparizione, è alla ricerca della forma migliore.

QUAGLIARELLA 8: Nessuno vuole (nè può) togliere il lavoro a Conte, ma ci chiediamo: “Cos’altro deve fare ‘sto ragazzo per giocare titolare?”. Si guadagna un rigore e realizza un grande gol, riesce a fare la differenza.

LLORENTE 6: Sfiora il gol con un buon colpo di testa ma nel finale si divora una limpida occasione da gol. Gli arrivano poche palle alte e questo lo penalizza.

CONTE 5: Questa Juve continua a stentare in Champions, e la soluzione deve trovarla lui.

GALATASARAY

MUSLERA 5: Meriterebbe una trentina di cartellini gialli per perdita di tempo, ma l’arbitro decide di graziarlo. Incolpevole sul rigore di Vidal, leggermente disattento sul colpo di testa di Quagliarella.

CHEDJOU 6,5: E’ un classe ’85 ma di esperienza ne ha da vendere, buona prestazione in difesa la sua.

EBOUE’ 5,5: Alterna un primo tempo spumeggiante ad una ripresa spenta. Per essere l’elemento migliore della difesa dei turchi lascia lievemente a desiderare.

HAKAN BALTA 6: Soffre le cavalcate di Lichtsteiner ma  con l’ingresso di Isla capisce di avere vita facile.

SEMIH S.v.

Mancini Galatasaray

ZAN 6: Appare inizialmente lento e macchinoso ma poi entra nel vivo del match e riesce a dare il suo contributo.

SELCUK 6,5: Riesce a fronteggiare bene un centrocampo compatto e qualitativamente valido come quello bianconero, ottima partita la sua.

FELIPE MELO 6: Il suo compito è quello di spezzare il gioco avversario, e riesce  in diverse occasioni a farlo. Butta via troppi pallone e forse questo penalizza i suoi.

SNEIJDER 5: La prestazione non è malevola, ma da uno come lui ti aspetti molto di più. I tempi del “Triplete” interista sembrano molto lontani.

AMRABAT 5: Ingenuo il fallo da rigore su Quagliarella, quasi “insipida” la sua prestazione per il resto.

BRUMA 5: Non riesce ad influire fino in fondo, tenta qualche incursione ma non riscuote molto successo.

RIERA 5: Prestazione anonima, Mancini lo sostituisce dopo essersi accorto che questa non era la sua serata.

BULUT 6,5: Probabilmente da oggi ogni tifoso juventino lo odierà a morte, ma il suo gol è frutto di un episodio e di un grave errore della retroguardia bianconera.

DROGBA 8: E’ un campione, c’è poco da discutere. Non sente il peso dell’età che avanza e castiga il duo Buffon-Bonucci nel primo tempo. Fondamentale il suo contributo anche nel gol del pareggio, Mancini gliene sarà grato.

MANCINI 7: E’ arrivato in Turchia da un paio di giorni ma questo Galatasaray già comincia a girare al meglio. Buoni i cambi, saggia l’idea di non snaturare il modulo del suo predecessore.

ARBITRO KASSAI 6: Muslera dovrebbe finire sotto la doccia con largo anticipo ma lui lo grazia. Il fallo di Amrabat su Quagliarella è netto e il rigore è sacrosanto. A volte lascia correre un pò troppo, ma si sa, agli arbitri internazionali piace l’arbitraggio all’inglese.

Ecco il video dei gol: