Juventus-Inter 3-1, Mazzarri: "È mancata la rabbia agonistica e abbiamo fatto troppi errori"

Era difficile attendersi un risultato diverso da quello maturato ieri nel posticipo di Domenica sera contro la capolista Juventus. Tuttavia, quel che più dispiace è non aver visto la ferocia e la rabbia agonistica che sarebbero servite per opporsi ad una squadra certamente più organizzata dell’Inter e con una visione di gioco notevolmente superiore a quella dei nerazzurri. Anche Walter Mazzarri, al termine della gara, si sofferma proprio su quest’aspetto e su altri che, fin dall’inizio, ne hanno orientato il match in direzione dei bianconeri.

Si deve stare attenti ai particolari con grande cattiveria agonistica proprio come sta facendo la Juve. Noi siamo stati leziosi. Anche oggi abbiamo avuto un buon possesso palla e, sul 3-1, Palacio ha fallito due volte il gol che avrebbe riaperto il match”, ha dichiarato l’allenatore di San Vincenzo ai microfoni di Sky. Tanti, troppi errori hanno reso ancoro più difficile il compito di quest’Inter che, già messa sotto dopo pochi minuti con il goal di Lichsteiner, non è mai riuscita a risollevarsi e, all’inizio del secondo tempo, in meno di dieci minuti, ha subito il secondo e il terzo goal che ne hanno decisamente sancito l’esito finale.

Walter Mazzarri

Ci sta di prendere un gol”, ha affermato WM, “Bravi loro, si è fatto qualche errore tattico. A me hanno infastidito il secondo e terzo gol, se avessimo subito rete su una grande giocata lo avrei accettato, loro invece hanno fatto tutto con adrenalina. Anche sul 3-0 abbiamo fatto cose buone, se fosse rimasto 1-0 ce la saremmo giocata fino all’ultimo […] Deve esserci la voglia di prevalere anche singolarmente e fisicamente sull’avversario. Dopo 6 mesi sono abbastanza chiaro. Quest’anno dovevo valutare e rivalutare la rosa, la società sa benissimo come vanno le cose. I ragazzi sono stati avvertiti, quest’anno stiamo costruendo la prossima Inter. […] Se non avessimo preso quei due gol in mischia… Tutto vorrei vedere tranne che gol in mischia contro la Juventus. Dobbiamo lavorare ripartendo dall’ABC, fanno parte del processo di crescita di giocatori non abituati ad avere certe pressioni tutti i giorni. Se non si vogliono valutare certe cose ne parlerò con la società se vorrà ascoltarmi

Tuttavia, il tecnico toscano appare fiducioso per il proseguo del campionato, perché nonostante tutto afferma di aver visto delle buone cose, soprattutto gli ultimi venti minuti della partita: “Sono fiducioso: non vedo tutti questi problemi, ma dispiace per la mancanza di risultati. Durante la partita ho parlato con Frustalupi per confrontarmi anche sui ragazzi, che mi stanno dando alcuni spunti per farli crescere. Ci serve una vittoria per svoltare”.

TUTTO SU JUVENTUS-INTER

Leggi anche–> Notizie Inter, Thohir: “Non si può creare un progetto vincente in due mesi”

Leggi anche–> Oriali: “Mi piacerebbe tornare ma Thohir non mi ha ancora cercato”