Juventus, Jean Claude Blanc indagato per evasione fiscale

L’inchiesta potrebbe portare a un nuovo scandalo

Il mondo del calcio non ha avuto un risveglio particolarmente buono visto che in mattinata la Guarda di Finanza ha svolto varie perquisizioni ai danni di alcuni dei massimi dirigenti, calciatori e procuratori di squadre di calcio di Serie A e B.

La Procura di Napoli, infatti, ha condotta quest’inchiesta denominata “Fuorigioco” e coordinata dal pm Vincenzo Piscitelli che ha portato al sequestro di beni per circa 12 milioni di euro. Sarebbero indagati personaggi di spicco come Aurelio De Laurentiis, Lotito, Galliani e l’ex presidente e ad della Juventus Jean Claude Blanc. Oltre a questi importanti dirigenti ci sarebbero anche calciatori come Lavezzi e Hernan Crespo e alcuni procuratori come Alessandro Moggi.

Si sta indagando, fondamentalmente, sull’ipotesi di reato di evasione fiscale e false fatturazioni; praticamente i procuratori dei calciatori provvedevano a fatturare in maniera fittizia alle sole società calcistiche le loro prestazioni, simulando che l’opera di intermediazione fosse resa nell’interesse esclusivo dei club, mentre di fatto venivano tutelati gli interessi degli atleti assistiti dagli agenti medesimi. Inoltre, le società, approfittavano dell’indebito vantaggio di potersi completamente dedurre dal reddito imponibile queste spese, beneficiando quindi della detrazione dell’imposta sul valore aggiunto relativa alla pseudo prestazione ricevuta in esclusiva e così veniva consentito ai calciatori di non dichiarare quello che sostanzialmente era un fringe benefit riconosciuto agli stessi dalla societa’ calcistica che si accollava, a vantaggio dell’atleta, anche la spesa per l’intermediazione.

Tutta questa inchiesta è partita dal trasferimento di Lavezzi dal Napoli al Psg e dello sconosciuto attaccante argentino Cristian Chavez. Le società avrebbero escogitato questa “truffa” ai danni dello Stato perchè gli oneri sugli ingaggi dei giocatori sono troppo elevati.