La delusione di Baresi e Maldini "ufficializza" la fine del vecchio Milan

Che il Milan non sia nel momento migliore della sua lunghissima e pluricentenaria storia è un dato di fatto, ma sono in tanti a pensare che la formazione rossonera con la deludente stagione di quest’anno ha definitivamente chiuso quella che è stata una lunga era, ricca di successi che hanno reso grandi i colori rossoneri in tutto il mondo. Dopo le cessioni dei grandi calciatori come Ibrahimovic e Pirlo, passando per Nesta, Thiago Silva e lo stesso Seedorf, ora mister, la squadra milanista ha faticato ad affermarsi nei piani alti della classifica.

I tifosi del Milan dovranno dunque buttare giù ancora qualche boccone amaro prima di poter festeggiare, d’altronde come successo alla Juventus dopo il rientro dalla serie B, ma anche all’ultima Inter di Stramaccioni. A segnare la definitiva rottura con un passato vincente, neanche tanto lontano, anche le parole di due capitani che hanno segnato la storia dei colori del Milan, ossia Franco Baresi e Paolo Maldini. Subito dopo la gara persa contro il Parma sono giunte le parole dell’ex numero 6 che su Twitter ha manifestato la sua delusione per una stagione che sta finendo in maniera assai inaspettata.

Più dure e dirette le parole di Paolo Maldini: l’ex capitano ha scagliato parole durissime verso una dirigenza rea di aver distrutto un Milan costruito per vincere negli scorsi anni, ed ora smantellato senza avere più né un capo né una coda. La domanda che tiene però in ansia i tifosi rossoneri è: quale futuro per il Milan e soprattutto si tornerà a parlare di un Milan vincente a livello mondiale o dovremo aspettarci stagioni anonime come quella in corso?

Leggi anche: