Lazio, Reja dice addio: “E’ giusto cambiare allenatore”

Edy Reja ha salutato la Lazio. L’allenatore, subentrato a Petkovic lo scorso gennaio, ha voluto concludere la sua avventura sulla panchina bianco-celeste e ne ha dato l’annuncio ufficiale questa mattina in conferenza stampa. Reja dice di aver preso questa decisione per “dare nuovo entusiasmo alla squadra e ai tifosi” e proprio per questa ragione ha definito: “chiuso il mio ciclo, era giusto cambiare”. Una decisione presa da solo e che non dipende assolutamente dalla società: “A fine campionato, il Presidente mi aveva rinnovato la fiducia proponendomi di continuare il rapporto”.

Motiva quindi la sua decisione così: La Lazio deve cambiare l’allenatore per trovare nuovi stimoli e un nuovo entusiasmo, è giusto così. Questa situazione ambientale critica non può più continuare”. Chiarita la sua posizione e il suo pensiero, Reja fa i suoi ringraziamenti: “Ringrazio Tare ed il Presidente Lotito che anche ieri mi hanno chiesto di rimanere”. Insomma, la Lazio ci ha provato fino in fondo a trattenerlo, ma la decisione presa da Reja è rimasta inamovibile e maturata a seguito del mancato raggiungimento dell’obiettivo stagionale nello scorso campionato: “Non abbiamo raggiunto l’obiettivo primario, ovvero l’Europa. Se ci fossimo riusciti le mie posizioni sarebbero state diverse, senza Europa mi è arrivata una mazzata”.

Conclude poi con un ringraziamento ai tifosi e fa il suo personale augurio alla Lazio: “Ringrazio i tifosi per l’affetto, mi auguro di aver fatto il bene della Lazio con questa scelta. E’ giusto rinnovare, iniziare una via nuova”.

Leggi anche: