Luiz Adriano a Milan Channel: "Ok due punte. Niang? Fortissimo!"

Analizzare Luiz Adriano e le sue parole su Milan Channel è un’ottima chiave di lettura per capire il movimento che vive l’attacco rossonero e l’altalena di umori tra i giocatori avanzati.

Cerchiamo quindi di esaminare le sue parole alla luce anche della prestazione del Milan contro il Crotone e del prossimo impegno a Carpi. Prima qualche battuta sui calabresi: “loro sono tra le squadre più forti della B, sapevamo che non sarebbe stato facile e per questo la vittoria è molto importante. Inoltre ci teniamo ad andare avanti in Coppa Italia, è un nostro obiettivo. Devo comunque ammettere che è stata una delle mie migliori prestazioni: ho fatto gol, ne ho sfiorati altri, ma per me l’importante è essere utile alla squadra, sia in fase offensiva che difensiva.” Non si può non sentire una punta di ripicca: finalmente tornato titolare dal primo minuto, ripaga la fiducia del mister ed è tra i migliori di quelli scesi inizialmente in campo. Il suo gol è frutto di una grossa indecisione del portiere crotoniate ma lui è stato bravo ad approfittarne e a segnare a porta vuota dopo un bel dribbling.

Anche se Luiz Adriano ci tiene a dire, continuando: “Io do sempre il massimo, che siano 90 o 5 minuti, e in fondo con le due punte ci stiamo trovando molto bene. Inoltre Niang è davvero fortissimo”. La questione adesso è tutta qui: tralasciando ancora Menez e Balotelli indisponibili, col 4-4-2 le scelte restano assai ampie. Bacca, piaccia o meno, resterà intoccabile per molto, molto tempo, ma è bello vedere la squadra risolvere le partite anche senza di lui. La scelta per il suo partner d’attacco resta tra Niang, Luiz Adriano e, nel breve futuro, probabilmente Cerci, con Bertolacci che sta ancora pagando i conti degli infortuni ma che presto tornerà titolare o avanzando un centrocampista sulla linea delle punte (ma per togliere spazio a chi?).

In pratica, adesso i due più in forma sono costretti al ballottaggio, con molti altri da recuperare. Luiz sembra non temere la concorrenza, ma starà a Mihajlovic risolvere queste complicate convivenze.

Leggi anche –> Borriello verso la sfida da ex

Leggi anche –> La moglie di Montolivo è incinta