Mangiare arance fa bene? Ecco cosa dice la medicina

Mangiare arance fa bene? è facile chiederselo dato che l’arancia è osannata da tutti come il frutto numero uno contro il raffreddore, ma si tratta pur sempre di un agrume dal gusto abbastanza aspro, che potrebbe irritare le mucose dello stomaco.

L’arancio è un agrume, frutto dell’arancio appartenente alla famiglia delle Rutacee. Si tratta di un ibrido, probabilmente tra un pompelmo e un mandarino, coltivato già da moltissimi anni. È un albero sempreverde, che raggiunge l’altezza di dodici metri che fiorisce in inverno e produce circa cinquecento frutti nel corso della stagione. L’arancio proviene dalla Cina e dal Giappone, ma ormai è stato esportato in tutto il mondo, e non è raro vederlo crescere spontaneo anche in Europa.

L’arancia è ampiamente utilizzata in cucina: dal consumo così come frutta, alla preparazione di dolci e liquori. Viene inoltre utilizzata come condimento per preparazioni salate, come per delle carni. Delle arance si mangiano sia la polpa che la buccia, che viene utilizzata come scorza; da quest’ultima si possono ricavare estratti utilizzati in erboristeria.

Proprietà nutrizionali delle arance

Mangiare arance fa bene? Per rispondere a questa domanda è importante conoscere i valori nutrizionali delle arance.

Un’arancia apporta meno di 40 Kcal, di cui circa l’80% è dato dai carboidrati. In minima parte sono presenti anche proteine, e i grassi sono quasi assenti. Per 100g di arance, 88g sono composti dal succo, mentre i restanti 12g dalla polpa.

Un’arancio contiene moltissime vitamine: vitamine del gruppo B, vitamina E, e la vitamina C che è pari al 50% del fabbisogno energetico giornaliero.

In questo portentoso frutto ritroviamo anche manganese, selenio, rame, zinco, fosforo, calcio, ferro, potassio e sodio.

Mangiare arance fa bene? Proprietà benefiche delle arance

Prima tra tutte le proprietà benefiche delle arance è quella di stimolare le difese immunitarie, oltre che proteggere l’organismo da attacchi esterni. Ha proprietà antinfiammatorie, per questo motivo aiuta a liberarsi dai sintomi influenzali, oltre che ad abbassare la febbre. Gli antiossidanti aiutano a prevenire la formazione di tumori, in particolare quelli del colon e del retto. 

Nella buccia è contenuto il limonene, che aiuta a contrastare gli effetti degli estrogeni. Aiuta inoltre a tenere sotto controllo la glicemia e il colesterolo, diventando quindi una valida alleata contro il diabete e l’arteriosclerosi. Aiuta a mantenere in salute gli occhi, la pelle e i denti. Grazie ai bioflavonoidi, aiutano anche a mantenere in salute ossa, cartilagini, tendini, legamenti e a ricostituire il collagene del tessuto connettivo. Favorisce anche l’assorbimento di ferro, prevenendo quindi problemi di anemia.

Aiuterebbe inoltre a mantenere pulito il sangue, mantenendo in salute l’organismo.

Le arance sono anche particolarmente adatte in caso di dieta, poiché forniscono energia immediatamente fruibile, senza però appesantire il corpo con zuccheri complessi.

Mangiare arance fa bene? Controindicazioni delle arance

Mangiare le arance fa davvero bene, ma sarà così per tutti? Come il limone le arance sono un agrume, contenente un succo dal ph piuttosto acido. Sebbene siano più dolci, possono quindi irritare le mucose gastriche se consumate a stomaco vuoto, oppure se assunte in quantità eccessiva. È bene quindi evitarla in caso di ulcera peptica, oppure in caso di malattie da reflusso.