Mangiare banane fa male? Ecco cosa succede!

Mangiare banane non fa male. La scienza, a proposito delle banane, non ha mai detto che esse facciano male. La scienza è però sicuramente è riuscita a sfatare alcune leggende metropolitane, legate proprio a questo frutto. Prima fra tutte, la diceria secondo la quale mangiare due banane al giorno fosse fondamentale per assumere potassio. Ora, è vero che la banana contiene potassio ma non è il primo alimento a fornire alte quantità di questo minerale. Su 100 grammi di banana, l’apporto di potassio equivale circa a 385 milligrammi. Vi sono, ad esempio, kiwi e spinaci freschi che possono garantire quantità superiori di tale elemento, per 100 grammi. Il primo posto del podio sul potassio è infatti occupato dai pistacchi, non dalle banane.

DAL NOSTRO NETWORK

    No feed items found.


La composizione nutrizionale di una banana

La banana è comunque un alimento molto importante per la nostra dieta, perché apporta numerosi benefici all’organismo. 

La sua composizione nutrizionale è la seguente: 

  • Acqua: 75%
  • Fibre: 2,6%
  • Carboidrati: 23%
  • Proteine: 1%

A questi elementi, si devono aggiungere anche le vitamine e i Sali minerali. Si tratta soprattutto di vitamina A, alcune vitamine del gruppo B, la vitamina C. Nello specifico, la banana offre anche il magnesio, il fosforo, il ferro, il calcio, oltre ad alcune ammine attive, come la serotonina, la norafrenalina e la dopamina.

Per quanto riguarda le calorie: 100 grammi di banana hanno circa 89 calorie. Da questo dato, si deduce che la banana offre un contenuto calorico superiore ad altri frutti, ecco perché durante una dieta la banana può essere sospesa e sostituita con altri alimenti. 

Di contro però, occorre ricordare che la banana può aiutare ad aumentare il senso di sazietà, senza fornire grassi all’organismo.

Mangiare banane: aspetti positivi

Mangiare banane offre numerose conseguenze positive, cerchiamo di elencarne le principali:

  • Azione detossicante: le fibre contenute nelle banane favoriscono l’eliminazione delle tossine, ripulendo l’organismo.
  • Azione di rinforzo dell’apparato muscolare: il magnesio presente nelle banane migliora la fase di contrazione e rilassamento dei muscoli e stimola la lipofisi, favorendo il consumo di grassi. Questo è importante soprattutto per coloro che fanno attività fisica.
  • Azione antidepressiva: la banana aiuta a sorridere e non è uno scherzo, questo grazie alla presenza di acido folico o vitamina B9. L’acido folico sarebbe un alleato della serotonina, l’ormone del buonumore, di cui l’acido folico accelera l’arrivo al cervello.
  • Azione calmante: questa è dovuta alla presenza del triptofano e della capacità della banana di rilasciare noreadrenalina, un neurotrasmettitore che regola la risposta dell’organismo allo stress.
  • Azione energizzante: la banana è ricca di glucosio, quindi permette di sentirsi più energetici ed è utile soprattutto prima di una sessione di allenamenti o per recuperare dopo l’attività fisica.
  • Azione sgonfiante: la presenza di potassio nella banana diminuisce la ritenzione idrica e quindi anche la sensazione di gonfiore del corpo. Le fibre aiutano nella regolarità intestinale e favoriscono la digestione.
  • Azione di rafforzamento delle ossa: con la fermentazione del frutto all’interno dell’intestino si ottiene una maggiore assimilazione di calcio.

Mangiare banane quindi non ha controindicazioni ma, come tutti gli alimenti, occorre farne un uso ponderato ed inserirlo all’interno di una dieta variegata ed equilibrata allo stesso tempo.