Mangiare dolci a colazione fa bene? Ecco cosa dice la medicina

Ormai si sa: la colazione è il pasto più importante della giornata. È il primo pasto dopo il digiuno notturno, nonché quello che ci consente di accumulare le prime energie così da affrontare la giornata. Saltarlo significherebbe compromettere l’organismo, causando seri picchi ipoglicemici. Tuttavia, mangiare dolci a colazione fa bene? 

La colazione ideale

Mangiare dolci a colazione fa bene? Questa è la domanda che si è posto chi è ghiotto di dolci, ma allo stesso tempo vorrebbe mantenere la linea, o preferibilmente non ingrassare troppo. 

Chi segue una dieta benefica per il metabolismo lo sa, Bisognerebbe cominciare la giornata con una colazione sostanziosa, e proseguire la giornata via via diminuendo la quantità di cibo. La colazione, in quanto pasto più importante della giornata, dovrebbe comprendere proteine, carboidrati, nonché zuccheri semplici. Non dovrebbero mancare nemmeno i grassi, e preferibilmente bisognerebbe fare il pieno di vitamine. Insomma, bisognerebbe fornire all’organismo tutto ciò di cui necessita fin dal mattino. Il vero problema è che non molte persone riescono a fare una colazione del genere. Lo stomaco è poco collaborativo, lo stress incomincia a farsi sentire, magari il tempo a disposizione è pure poco, ed è più facile cedere ad un cibo tentatore, piuttosto che a uno salutare. Quindi, si opta per una brioche, una fetta di torta, o magari a un gelato. Chi segue una dieta ferrea, però, deve fare poi i conti con i sensi di colpa. Eppure, questi cibi contengono proteine, grassi, carboidrati, e se ad accompagnarli è una spremuta, assumiamo anche importanti vitamine. È importante indagare quindi se mangiare dolci a colazione fa bene.

Il parere della medicina

La mattina è il momento in cui il metabolismo è più attivo. Inoltre, per consumare le calorie di troppo, abbiamo davanti tutta la giornata. 

A sostegno di ciò, Daniela Jakubowicz dell’unità di Diabetologia al Wolfson Medical Center all’università di Tel Aviv afferma: “Il primo pasto della giornata è quello che regola meglio i livelli di grelina, l’ormone che aumenta il senso di fame: la grelina aumenta prima dei pasti, ed è soprattutto la colazione che ne sopprime la produzione per le ore successive”. 

Secondo questo studio, perciò, sembrerebbe che più si mangia a colazione, più si riduce il senso di fame nelle ore successive. Si afferma altresì che mangiare dolci a colazione non risulta dannoso per la linea, e anzi, aiuterebbe il metabolismo a recuperare le energie perse dopo il digiuno notturno.

Tuttavia, è bene preferire dolci meno grassi come: 

  • Crostate di marmellata fatte in casa; 
  • Torte Light (come la torta di carote o di yogurt); 
  • Pane a fette con creme spalmabili o marmellate; 
  • Latte e cereali; 
  • Muffin alla frutta; 
  • Croissant;
  • Biscotti con confetture; 
  • Cioccolata. 

È possibile anche mangiare dolci grassi a colazione purché in quantità limitate, magari accompagnandoli con un po’ di frutta. Perciò, mangiare dolci a colazione fa bene? Sembrerà strano, ma la risposta è sì: non solo sono benefici per la nostra mente, che coccolandosi di prima mattina comincerà la giornata con più energia, ma anche per il nostro corpo, che ci tormenterà meno durante il resto della giornata con il senso di fame.