Mangiare la pasta scotta? Incredibile: ecco cosa succede al tuo corpo

La pasta è un alimento tra i più consumati in Italia, una nostra eccezione amata in tutto il mondo. E’ praticamente impossibile fare a meno di un buon piatto di pasta almeno una volta al giorno, perchè non solo è gustosissima ma dona al corpo la giusta dose di energia dopo una mattinata di lavoro o studio.

La pasta può essere mangiata in una marea di modi a seconda dei propri gusti e grazie all’apporto di carboidrati favorisce anche il buon umore, ma per poterla gustare al meglio bisogna anche sapere come cucinarla se al dente o scotta, perchè questo fattore non solo influisce sul gusto ma anche sulle proprietà nutritive.

Mangiare pasta scotta non è proprio il massimo, sai cosa succede al nostro corpo consumandola in questo modo? No? Allora lo spiegheremo in questo articolo e la risposta vi sorprenderà.

Ecco perchè è meglio non mangiare pasta scotta

Prima di passare ad ulteriori spiegazioni va ricordato che la pasta deve essere mangiata in porzioni non abbondanti, perchè proprio a causa del suo alto contenuto di carboidrati facilita l’aumento del peso. Detto questo passiamo a spiegare il perchè mangiare pasta scotta è da evitare.

Molti studi hanno dimostrato che la pasta scotta è molto meno digeribile di quella al dente, quindi mangiarla dopo troppi minuti di cottura può provocare problemi gastrici, in più la pasta tenuta troppo tempo a cuocere contiene un indice glicemico più alto e la digestione sarà più veloce, di conseguenza si perderà il senso di sazietà prolungato che invece apporta la cottura al dente, poichè in questo ultimo caso l’amido contenuto nella pasta non viene completamente digerito dagli enzimi e la digestione sarà più lenta aumentando così il senso di sazietà.

Quindi bisogna essere coscienti che mangiare pasta scotta è altamente sconsigliato soprattutto per coloro che vogliono dimagrire ed hanno problemi con il diabete, questo proprio perchè l’alto indice glicemico contenuto può essere controproducente, al contrario mangiare pasta al dente può fare bene ad entrambe le categorie di persone, anche se ricordatevi che al dente non vuol dire mangiarla quasi cruda, perchè in quel caso si avranno gli stessi problemi della pasta scotta, ma bisogna seguire la cotture “al dente” riportata sulla confezione di pasta.

Mangiare pasta al dente apporta benefici

Come accennato mangiare pasta al dente apporta benefici al nostro organismo. Cucinare in questo modo non è difficile, anzi, c’è bisogno di molta acqua di cottura, girare la pasta di tanto in tanto e scolarla seguendo la dicitura riportata sulla confezione dei minuti per “cottura al dente”. Qualche minuto prima dei minuti indicati è ancor meglio assaggiarla per capire se serve qualche minuto in più di cottura o meno.

Per coloro che sono abituati a mangiare la cosiddetta pasta scotta, il consiglio è quello di arrivare per gradi alla cottura al dente e cioè è preferibile diminuire il tempo di cottura di volta in volta quando si cucina.