Mangiare piccante fa male? Ecco la risposta

Mangiare piccante fa male? Dipende dalla tua situazione. Per esempio, è normale che a chi è allergico il peperoncino fa male il peperoncino. Mentre chi non è allergico, può assumerlo senza esagerare. Vale per tutti i cibi e tutte le situazioni. Qual è la verità sul mangiare piccante?

Questioni di dosi

Mangiare piccante fa male quando non si rispettano le dosi di rito. Il piccante stimola le papille gustative, ma non solo. Molti cibi piccanti danno un ottimo apporto di:

  • vitamine A e C;
  • antiossidanti;
  • proprietà vasodilatatorie (fanno respirare meglio);
  • componenti digestivi;
  • elementi contro il colesterolo cattivo e contro malattie come il diabete e il cancro.

Quindi, il piccante è un vero toccasana e non può mancare nella dieta quotidiana. In alcune realtà, come quella calabrese, il piccante è un vero e proprio curativo contro tutti i mali. Quali sono gli aspetti negativi se si superano le dosi consigliate?

 

  • Lo stomaco va in fiamme. Poco da fare, più aumenta il piccante, più lo stomaco si ribella. Alcuni cibi, come il peperoncino, possono irritare anche occhi, gola e bocca.
  • Problemi all’intestino.

 

  • Problemi per le donne in gravidanza.

Anche i bambini sotto i 12 anni dovrebbero mangiare piccante con moderazione. Il motivo? Ci sono delle conseguenze gravi, soprattutto per chi soffre già di problemi allo stomaco o al diabete. Mangiare piccante fa male? Segui queste indicazioni e non avrai rischi legati al cibo piccante:

  • non assumerlo più di 2 volte alla settimana;
  • cerca di mangiare qualcosa prima di assumerlo, così lo stomaco sarà in parte “coperto”;
  • usa nelle tue ricette questi prodotti a bassissima quantità, quella che lo stomaco digerisce senza problemi.

Così, otterrai tutti i benefici del cibo piccante senza i suoi rischi per la salute.

Attenzione alle malattie pregresse

Mangiare piccante fa male sempre per alcune categorie. Chi soffre di reflusso gastro-esofageo dovrebbe evitare il cibo piccante, perché stimola il vomito. Anche chi soffre di diabete o di problemi seri allo stomaco (come un’ulcera) dovrebbe evitare di usare questo tipo di prodotto per non avere rischi.

Anche qui, si deve chiedere un parere medico. In particolare, serve quello dello specialista che ti ha in cura per questo tipo di malattie. Se ti dice di evitarlo, allora segui il consiglio. In più, le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero evitare il cibo piccante, perché fa male al bambino.

I bambini sotto i 12 anni non dovrebbero assumere cibo piccante. Se succede, sempre tenere le dosi al minimo storico e cercare di far bere al piccolo molta acqua per risolvere il problema. Difficilmente si arriva al vomito o a reazioni avverse, ma è sempre bene fare attenzione, perché lo stomaco dei bambini è più fragile.

Mangiare piccante fa male solo in determinate occasioni. Basta fare attenzione e si ottengono immediatamente tutti i benefici del cibo piccante senza effetti collaterali. Per poter essere sicuro di assumere abbastanza cibo piccante, organizza nel menù un primo piccante e un secondo piccante separati a una distanza di 4 giorni l’uno dall’altro. Noterai subito la differenza, soprattutto ai primi freddi, per liberare le vie respiratorie.