Manuale per non-tifose e termini calcistici: dal biscotto al cucchiaio

Se il calcio non è altro che un elemento chimico, per la precisione il ventesimo sulla tavola periodica; rispondo che chi lo afferma non ha proprio tutti i torti.

Infatti venti sono le squadre che generalmente disputano il campionato di Serie A; e la chimica….bhe….quella che si instaura tra tifoso e squadra è una vera e propria attrazione fatale. Un senso di appartenenza ad una grande famiglia che affonda le radici nei luoghi più remoti.

Il calcio è molto di più, è passione, partecipazione, un esempio di vita: crederci fino alla fine, credere che tutto è possibile anche quando tutti remano contro, credere che quando si tocca il fondo si può sempre risalire.

Senza dubbio è mondo ingarbugliato, ricco di contraddizioni e di cifre a otto zeri. E’ un mondo fatto di attori che ne hanno fatto la storia e i valori. E come ogni realtà anche quella calcistica parla la propria lingua spesso difficile da comprendere per chi non ci si è mai avvicinato; in particolare per la sfera femminile (ma non solo) generalmente interessata ad altro. Poche e semplici nozioni possono aiutare.

danimarca svezia biscotto

Il biscotto NON è una preparazione culinaria ma di ben altro tipo. Una ricetta di ingredienti che, per combinazione (!), offrono sempre un ottimo e perfetto risultato. Gradito a tutti.

Nemmeno il dischetto leva il trucco del biscotto. La realizzazione non è scontata. Tentare è di rigore, se poi la palla non entra bhè sarà la prospettiva, ad una distanza di 11 metri la porta sembra sempre più piccola.

Il sombrero: numero di grande abilità, o fortuna (?) che dà lo stesso piacere di un po’ d’ombra regalata dal famoso copricapo nelle caldi estate messicane.

Francesco Totti Roma

Il cucchiaio: accanto alla forchetta e al coltello sulle vostre tavole. Per tutto il resto vedere voce Francesco Totti.