Mazzarri e le scuse, ecco le dieci più simpatiche

Per la prima volta nella sua carriera da allenatore Walter Mazzarri è stato esonerato. E’ capitato al secondo anno di Inter, ma oltre che per i suoi successi professionali, in questo caso insuccessi, il tecnico toscano è conosciuto per le sue scuse. A ogni avvenimento negativo infatti è sempre stato in grado di trovare una giustificazione. Alcune sono proprio bizzarre e così sui social network si è scatenata la corsa a compilare una top 10, che poi è stata stilata dal Corriere dello Sport: ecco quelle che hanno suscitato più scalpore.

Ecco la top 10 delle scuse di Mazzarri:

  • Siamo in emergenza, i ragazzi sono calati. E poi ha anche cominciato a piovere…
  • Il campo era scivoloso e eravamo stanchi, abbiamo finito con un ragazzo della Primavera.
  • Abbiamo sbagliato tanti contropiede per la fretta di andare in porta. Non siamo sereni e quindi poco lucidi.
  • Ci sono giocatori che in questo periodo dell’anno non reggono tre partite consecutive.
  • Purtroppo non abbiamo segnato quando dovevamo farlo.
  • Il Torino aveva il pubblico dalla sua. Avevo scelte obbligate.
  • Parlo a livello statistico: è possibile che quando gli episodi sono contro di noi si vedono e quando sono a nostro favore invece non si vedono mai?
  • Contro l’Atalanta abbiamo sbagliato l’impossibile in zona gol, abbiamo preso 3 pali, forse 4… E abbiamo preso go da una punizione che non c’era all’ultimo minuto.
  • Il mio preparatore atletico non sbaglia mai. Purtroppo questa estate non aveva i giocatori a disposizione perché sono tornati troppo alla spicciolata.
  • Prestazione da dimenticare. Purtroppo mezza squadra era influenzata, 4-5 avevano la febbre e uno ha giocato con la diarrea.

Leggi anche: