Milan, Allegri medita l'addio e sogna la Nazionale

Max Allegri è tornato a parlare, ed in una lunga intervista rilasciata ad una nota emittente satellitare, ha espresso sogni, volontà per il futuro ed opinioni riguardanti l’arrivo di Kakà; il tutto, ovviamente, condito dalla solita ironia e pacatezza.

Quando gli viene chiesto qualcosa riguardo al suo futuro, risponde: “Penso a fare bene, al meglio, questa stagione” e prosegue “Ci tenevo a giocare la Champions League con questi ragazzi”. Poi torna sull’annata passata:  “Non ho mai pensato di lasciare il Milan, la scorsa stagione”.

Su Kakà: “Lo volevamo tutti e Galliani ha fatto una grande operazione di mercato. Con la partenza di Boateng ci mancava un giocatore in quel ruolo e l’arrivo di Kakà ci farà fare un bel salto di qualità come esperienza e tasso tecnico”.

Cesare Prandelli

Sul rapporto col presidente Silvio Berlusconi afferma: ” Ho un buon rapporto col presidente, ci sentiamo spesso e parliamo molto”. Sul chiacchierato esonero che doveva avvenire l’anno scorso commenta: ” Non credo di essere mai stato vicino all’esonero: quando sono andato a parlare con Berlusconi, non ho mai percepito questa possibilità”.

Chiosa finale sulle sue idee per l’avvenire: ” Qualsiasi allenatore ambisce ad allenare la Nazionale del proprio paese. Per ora sono molto contento di essere al Milan e la Nazionale ha un grande Commissario Tecnico come Prandelli ma è un ruolo a cui punto , non è detto ora, magari tra dieci anni, ma è normale che ci pensi che che punti a questo traguardo.”

Leggi anche -> Milan, progetto giovani…senza giovani?

Leggi anche -> L’errore clamoroso del Milan nella Lista Champions

Leggi anche -> Le wags dei calciatori rossoneri!