Milan-Atalanta 0-1, Inzaghi: "Ci siamo meritati i fischi"

Non sembra prendere la direzione giusta questo 2015 per il Milan che, dopo la sconfitta contro il Sassuolo e lo scialbo pareggio contro il Torino, perde in casa anche contro l’Atalanta con il risultato di 1-0.  Nelle dichiarazioni post-gara Inzaghi è apparso visibilmente amareggiato e ritenuto più che meritati i fischi di San Siro: Dobbiamo farci tutti un esame di coscienza. Oggi a fine partita per come abbiamo giocato ci siamo meritati i fischi. Dobbiamo fare in modo di trasformare questi fischi in applausi, non possiamo diventare scarsi nel giro di due setitmane, dobbiamo analizzare con attenzione cosa non va nei nostri meccanismi”.

Inzaghi sfrutterà la prossima settimana per capire cosa non è andato e per cercare di ridare nuove certezze alla squadra: “Ho detto ai miei giocatori di fare mea culpa e di prendere coscienza di quello che è accaduto. La prossima settimana lavoreremo a fondo su cosa non ha funzionato e sabato avremo subito la risposta del campo. In questa settimana cercherò di ridare nuove certezza alla squadra”.

Nonostante tutto il tecnico milanista crede ancora nel terzo posto e pensa che ancora nulla è perduto: “L’anno scorso a questo punto eravamo già a 17 punti dal terzo posto posto, nulla è ancora perduto. C’è ancora tutto il girone di ritorno, se ci crede l’Inter non vedo perché non dobbiamo crederci anche noi”.

Leggi anche: