Milan-Birsa: silenziosa rivelazione low-cost

Sicuramente meno chiacchierato del suo predecessore Boateng, fin qui più incisivo di sicuro. E’ Valter Birsa, il trequartista low-cost rivelazione di questa stagione rossonera.

Il Ventisettenne solveno, originario di San Pietro di Gorizia, preferisce parlare poco, e gli unici riflettori che vuole su di sè sono quelli del campo. E li conquista, con prestazioni di sacrificio e sostanza, con due reti in cinque presenze. Numeri che fanno tirare un sospiro di sollievo ad Allegri e fanno ben sperare per il futuro.

Potrebbe essere lui il colpo di Galliani dell’estate, affiancandosi ad un Andrea Poli sempre più incisivo e indispensabile. L’ex Torino e Genoa ha reagito con grande personalità all’approdo in un grande club, dando subito il meglio di sè. Da seconda scelta a titolare contro il Barcellona, provando a fare le scarpe persino a Kakà, non proprio l’ultimo arrivato a Milano.

Birsa Celtic

Due delle tre vittorie del Milan portano proprio la firma del numero quattordici rossonero, che quasi arrossisce ai complimenti e li rigetta indietro con modestia.

Serviva proprio questo al Diavolo, una faccia nuova, un professionista serio, testimone che lo stile Milan, quello del lavoro e della dedizione, alla fine ripaga sempre.

Leggi Anche -> Milan: quando i bidoni possono diventare top player

Leggi Anche -> Milan: contro il Barcellona torna Kakà incisivo

Leggi Anche -> Parma-Milan: i rossoneri si preparano..