Milan-Cagliari, Inzaghi: “Sono sereno e vado avanti”

Si è alla vigilia di Milan-Cagliari gara fondamentale per il futuro del tecnico rossonero Filippo Inzaghi che assolutamente non poteva prevedere un inizio di carriera di allenatore tra i professionisti così difficile come quello che sta vivendo “…ma ci sono tanti bravi allenatori con grandissima esperienza che soffrono e fanno fatica, sarebbe stato utopistico pensare di non soffrire alla prima esperienza”, fa sapere nella conferenza pre gara. Un Inzaghi che si sente sicuro nonostante i risultati non lo possano far sorridere: “Sono sereno e vado avanti per la mia strada, poi chi dovrà valutarmi farà le sue scelte. Io cercherò di fare il massimo finché mi sarà concesso, poi vedremo cosa succederà”, ha aggiunto.

L’allenatore vuole una reazione contro il Cagliari e così conviene con il suo presidente Berlusconi, che ha sentito due giorni fa, sul fatto che la squadra deve gestire meglio la situazione quando va in vantaggio: “Abbiamo un po’ di apprensione perché siamo umani. Qualsiasi allenatore avrebbe messo un difensore per Honda, io ho puntato su Cerci per cercare il secondo gol. Se continui a mettere difensori diventi un catenacciaro”.

MILAN-CAGLIARI: TUTTE LE NOTIZIE