Milan, Conferenza di Kakà, il brasiliano: "Qui per ritrovare la gioia di giocare a calcio"

Oggi alle ore 12 a Milanello, si è tenuta la conferenza stampa tanto attesa per presentare il nuovo e sentito acquisto del Milan: Ricardo Kakà. Un’ora quindi dove il brasiliano ha fatto sapere ai giornalisti e al mondo di essere molto contento del ritorno in maglia rossonera e della passata esperienza al Real Madrid infatti spiega: “A Madrid è stata un’esperienza molto bella a livello personale: sono cresciuto tanto. Professionalmente parlando non è data come speravo e come molti si aspettavano. Sono veramente contento di essere stato parte della storia del Real Madrid, anche se è andata come è andata. Lì, però, ho perso la gioia di giocare. Qui è il posto giusto per ritrovarla”.

Poi parla del Mister Allegri e del suo doppio ruolo in squadra: “Idolo per i compagni di squadra ? E’ un ruolo nuovo, qui vivrò questo per una, due, tante stagioni. Voglio aiutare tanto questi ragazzi. Invece il mio ruolo in campo è stato più o meno sempre quello di trequartista, vediamo cosa ha bisogno il mister”. 

Adriano Galliani

Infine conclude parlando degli obiettivi che il Milan deve raggiungere: “Farò il possibile per tornare a giocare bene e vincere con questo Milan. Il Milan deve sempre puntare a vincere, quello che dobbiamo cercare di fare in questa stagione. Poi vince una sola squadra”.

Una nota di merito va anche a Galliani che spiega i dettagli del capolavoro Kakà-Milan: “E’ successo una sola volta che un allenatore mi chiamasse dopo il primo allenamento, Ancelotti nel 2003. Per l’arrivo di Ricky devo dare merito molto a Braida e Leonardo che premevano molto per il suo arrivo. Questa volta pensavo di non farcela, il Real Madrid si è dimostrato amico e devo ringraziarlo. Devo ringraziare anche Bosco e Kakà perché vi assicuro che Ricky ha dimostrato tangibilmente l’affetto per il Milan facendo un grande sacrificio economico. Ci avevamo già provato ma non ce l’avevamo fatta, quest’anno sono andato senza certezze, sperando succedesse qualcosa. Ci siamo messi negli uffici del Real domenica pomeriggio e siamo arrivati ad una conclusione. E’ stata una trattativa lunga perché ho chiesto molti sacrifici a Bosco. E’ stata una trattativa bellissima, eravamo nell’ufficio dell’avvocato di Kakà, poi andavo in sede del Real e tornavo nell’ufficio”.

Leggi anche: Milan, Allegri medita l’addio e sogna la Nazionale

Leggi anche: Matri saluta i tifosi juventini su Facebook: “Ho vissuto anni intensi”

Leggi anche: Milan, al via il progetto giovani…senza giovani!